Post in evidenza

School sex crimes up by 255 per cent, porn culture to blame

Reports of sex offences in schools continue to rise, according to police figures obtained by a Tes investigation

lunedì 27 giugno 2011

15enne stuprata da un gruppo di ragazzini durante la notte bianca

Violenza sessuale di gruppo ai danni di una ragazzina di 15 anni a Fano (Pesaro Urbino). È successo la scorsa notte, nel pieno dello svolgimento della notte bianca nella zona del Lido.

La quindicenne era in compagnia di alcune amiche: hanno conosciuto in modo del tutto occasionale altri tre ragazzi, probabilmente anche loro minorenni, italiani. Ad un certo punto i tre l’hanno trascinata per un braccio in spiaggia, nonostante il tentativo di reazione delle altre ragazze. Poi l’hanno violentata a turno. La ragazzina è quindi tornata dalle amiche in stato di choc.

Accompagnata in ospedale, i medici hanno riscontrato lesioni e segni di violenza sessuale. Sull’episodio indagano i carabinieri, che stanno raccogliendo testimonianze ed elementi per identificare i tre responsabili.

15enne stuprata da un gruppo di ragazzini durante la notte bianca 26/06/2011  


Stupri di gruppo nel Napoletano su due ragazzine di 12 e 14 anni

Le aspettavano nei pressi della scuola, prima dell’inizio delle lezioni o immediatamente dopo. Poi, le portavano in una strada senza uscita. E lì le violentavano. Per quattro mesi, a Villaricca (Napoli), due ragazzine di 12 e 14 anni sono state costrette a subire abusi. A stuprarle due minorenni, di 17 e 16 anni, oggi arrestati.

Prima l’amicizia, poi l’incubo. È iniziato tutto così, nel comune a nord di Napoli, ad ottobre scorso. Per giorni e giorni la brutta storia è andata avanti. I due ragazzi sono entrambi incensurati, nessun lavoro, nessuna scuola. Uno di loro, però, ha una famiglia che "pesa" e che porta alla camorra. Il papà del 16enne, infatti, è un affiliato al clan Ferrara Cacciapuoti; uno zio materno, attualmente latitante, è addirittura il reggente del sodalizio. Abituati ai modi duri, dunque, i due minorenni. Ed era così che si comportavano con le due vittime: le minacciavano, in continuazione, anche di morte se avessero raccontato qualcosa a qualcuno.Il modus operandi era sempre lo stesso: le ragazzine venivano condotte in una strada senza uscita nei pressi della scuola, dove c’è un cantiere per la costruzione del liceo. Ma dove ci sono anche delle abitazioni. Probabile, quindi, che qualcuno abbia potuto vedere; nessuno, però, ha mai denunciato nulla. È lì che le violentavano, in strada: a volte gli abusi avvenivano contemporaneamente; altre volte una delle adolescenti era costretta anche ad assistere all’abuso della sua amica. La violenza sessuale è continuata fino a febbraio scorso. Poi, la richiesta d’aiuto che le due ragazze hanno rivolto alle loro insegnanti. È alle docenti che hanno deciso di raccontare tutto; le professoresse, a loro volta, hanno allertato i genitori delle vittime. Poi, per fortuna, la denuncia ai carabinieri e oggi l’arresto. Pesanti le accuse a carico dei due ragazzi: violenza sessuale di gruppo, corruzione di minori, atti osceni. Entrambi sono stati condotti al Centro di prima accoglienza di Napoli. Ancora uno stupro di gruppo, dunque, a due giorni da un’altra vicenda, quella di Fano dove tre sedicenni hanno violentato una quindicenne. Nel caso di Villaricca, però, la storia è durata non una sola notte ma quattro mesi: una violenza sistematica. Non è la prima volta che il branco agisce nel Napoletano: a febbraio scorso una undicenne di Arzano (Napoli) fu portata da cinque ragazzi in un luogo appartato: la immobilizzarono, la spogliarono, iniziarono a toccarla e grazie alle sue grida d’aiuto e all’intervento di passanti, la violenza finì. Anche quella volta i responsabili erano minorenni: il più piccolo 14 anni, il più grande solo 16.

Stupri di gruppo nel Napoletano su due ragazzine di 12 e 14 anni 27/06/2011 


Bimba di 4 anni costretta a vedere video porno dai genitori

Mazara del Vallo (TR), 25 Giu 2011 - Una bimba di quattro anni è stata affidata alle cure di un centro assistenziale dopo essere stata maltrattata dai suoi genitori. Il fatto è accaduto a Mazara del Vallo, comune in provincia di Trapani. La coppia, un pregiudicato di 40 anni e la sua compagna di 27, sono stati arrestati con l'accusa di aver abusato sessualmente della piccola costringendola a guardare video porno. 

PUBBLICITÀ

Bimba 4 anni costretta a vedere video porno, genitori arrestati 25/06/2011


mercoledì 22 giugno 2011

Never Mind The Botox

THE secrets of cosmetic surgery are about to be revealed in a new four-book series called Never Mind The Botox.

The co-authors, Penny Avis and Joanna Berry, go behind the glossy brochures, reassuring pep talks and immaculate receptions to reveal the often ugly and occasionally gruesome reality of major surgery done in the name of beauty.

While we are often assured the "down time" is minimal and side-effects are rare, this book tells you exactly what you could be letting yourself in for.

Although the books are classed as fiction, the authors have based their novels on the real-life accounts of patients and industry insiders to uncover what we are having nipped and tucked.

Here Penny and Joanna write exclusively for The Sun and reveal the most shocking and extreme cosmetic surgery procedures they came across during their research.

The squeamish should look away now...

Toe tucks - toes lengthened, shortened or narrowed to fit designer sandals

This is the latest must-have surgery for those who want to look perfect in their strappy sandals.
With Keira Knightly allegedly using a foot double, as her feet are "too big and veiny" and Victoria Beckham's bunions getting about as many column inches as her husband, it's not surprising that mere mortals are stressing about the appearance of their feet.
The "toe-besity" procedure list, costing from £3,000, includes:
Toe tuck - slims the little toe to help you fit into narrow shoes - can involve shaving the bone and fat reduction.
Toe slimming - removes fatty deposits that make the toes look uneven.
Toe shortening - reduces the length of toes (normally the second toe) so they form a perfect arc shape.
Foot lift - lifts the arches of your foot to make high heels more comfortable.

The chance of complications from these surgeries is high, including permanent nerve damage, infection, bleeding, scarring and chronic pain when walking. At its worst, foot cosmetic surgery gone bad could make it difficult for a woman to wear any shoes at all.
We came across one lady in the US who still couldn't walk on her left foot nine months after surgery and developed neck and back complications as the other foot took the strain. Her bills for the extensive physiotherapy she needed were not covered by her medical insurance and that, combined with being off work for months, sent her badly into debt. We would rather have ugly feet.

Mummy makeover 'gift cards' covering price of a boob job, nose job and tummy tuck

Confronted with celebrities Angelina Jolie and Katie Holmes bouncing back into shape seemingly seconds after giving birth, mummy makeovers are growing in popularity.
Jennifer Lopez, Britney Spears and Kerry Katona are all said to have had them. Combine that with the dramatic rise in the range of cosmetic surgery procedures available, it is not surprising that gift vouchers have swiftly followed suit.

However, these can backfire. We came across a man who gave his wife a mummy makeover voucher and she was so offended she promptly left him. And another where it was so successful that the recipient woman ran off with her tennis coach. Proceed with caution.
With tummy tucks from £5,600, boob jobs from £4,000 and nose jobs from £3,000, nor is it a cheap option.

Armpit Botox and similar treatments for excessive sweating

A common pre-Oscar night or wedding day treatment, Botox costing from £350 is injected into the armpits to eliminate or reduce sweating for several months.
However, one of the side-effects is that sweat can then appear somewhere else, as the body still needs to get rid of it.
On the forehead, back of the neck and between the legs are common areas where this can occur instead - and that's certainly not a good look.

Designer vaginas to have the 'lady garden' of a 16-year-old again

There is an increasingly popular trend in women choosing to have these procedures which start at £2,500.
It is often linked to internet pornography creating unrealistic images of what women should look like downstairs - which if true, is a pretty horrifying incentive.

Jordan has confessed to having had treatment to her "lady areas" but said it was for medical reasons.
But it's not just for porn stars and celebs. The most recent NHS figures show a 70 per cent increase in the number of women having labiaplasty on the NHS, so the trend shows no sign of abating. We came across one example where a mother and daughter had this done on the same day then compared results. Too much information!

Eyelash transplants

This procedure works in the same way as hair treatment for balding men, where living hair follicles are grafted on to the upper eyelid.

Considered a "must-have" for women who lust for longer, thicker lashes or who have lost lashes through overuse of extensions (yes, this is possible). The surgeon injects the hair into the eyelids, normally under a local anaesthetic. After the treatment, patients have to wear goggles at night to stop themselves scratching them out in their sleep as they are so itchy. The "after" photos are very scary indeed - weeping, scabby, swollen and bruised eyelids, worse than a heavyweight boxer after 12 rounds.
Complications can include severe itching, eyelid infection, ingrown hairs and even inward turning of the eyelid against the eyeball.
The transplanted hair will also continue to grow like hair on your head, so will need to be trimmed regularly and curled to shape like normal lashes. Costs start at £3,500.

Ankle liposuction

"Cankles" happen where the calf meets directly with the ankle giving it a swollen appearance due to a lack of muscle or a build-up of fluid.
With ankle liposuction, fatty deposits are removed to trim and shape the ankle area.
However, as ankles are primarily made up of muscle and bone and contain a number of key nerves and veins, the procedure, costing from £800, is much more complex and risky than liposuction in other areas.
Cheryl Cole was recently photographed with cankles, showing that it isn't always related to weight.
Contour irregularities, nerve damage, blood clots and hanging skin are just some of the reported side-effects and the swelling can take several months to go down, rather defeating the object.
And if you thought these were a step too far, wait until you see what could be just around the corner due to popular demand...

Rib removal with tummy tuck to create an hourglass figure

There's a long list of celebrities who have been rumoured to have had this done: Cher, Jane Fonda, Raquel Welch, Tori Spelling, Pamela Anderson, Janet Jackson... the list goes on.
As far as we could see, none of the rumours has ever been proved to be true.
But our research showed that chat rooms still abound with people seeking out where they can get it done - despite the fact they wouldn't be able to breathe properly, bend or drive for several weeks and that side-effects can include collapsed lungs, nerve damage, perforation of the diaphragm, infection or pneumonia.

  • The first book in the Never Mind The Botox series by Penny Avis and Joanna Berry, is called Alex and is out now (£6.99, Matador). For more information visit avisberry.com.

    Plastic surgery Babylon




    Un 'ritocchino'per non perdere il lavoro

     Cambiare faccia per non perdere il lavoro. Una tendenza che dagli Usa sta arrivando anche da noi.

    La Grande Depressione del '29 fece impennare le vendite di cosmetici e rossetti, la crisi degli ultimi anni ha aumentato il ricorso alla chirurgia plastica: e' il segno dei tempi. Tra gli interventi piu' gettonati quelli piu' semplici di medicina estetica, come le iniezioni di botulino o filler, ma anche minilifting o blefaroplastiche.

    22 giugnoUn 'ritocchino'per non perdere il lavoro


    L'UE: minori, attenti ai social network

    L'Unione Europea non è contenta dei social network. In particolare Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione e responsabile per l'Agenda Digitale, si dice «delusa».
    La delusione deriva dal constatare come siano pochi i servizi attenti alla tutela dei minori«la maggior parte dei siti di socializzazione in rete non garantisca sistematicamente che i profili dei minori siano accessibili esclusivamente ai contatti da loro approvati» ha spiegato il commissario.
    L'opinione di Bruxelles deriva da un'indagine condotta su 14 reti sociali (Arto, Bebo, Facebook, Giovani.it, Hyves, Myspace, Nasza-klaza.pl, Netlog, One.lt, Rate.ee, SchülerVZ, IRC Galleria, Tuenti e Zap.lu) da cui è emerso come soltanto Bebo e MySpace riescano a ottenere una promozione piena, poiché sono «impostati in maniera tale da impedire automaticamente che i profili degli utenti minorenni siano accessibili all'esterno della cerchia dei contatti da loro selezionati».
    Gli altri servizi invece sono meno rispettosi della privacy dei minori, sebbene anche Netlog e SchülerVZ meritino una menzione d'onore poiché impediscono che i minori possano essere contattati da persone al di fuori della cerchia dei contatti.
    La questione è importante: il 77% di coloro che hanno tra i 13 e i 16 anni - e il 38% di quelli tra i 9 e i 12 anni - usa frequentemente i social network, ma spesso senza rendersi conto dei pericoli in cui possono incorrere.
    «I giovani» - sostiene ancora Neelie Kroes - «non capiscono fino in fondo le conseguenze che arrivano dallo svelare troppi particolari della loro vita personale online. La guida dei genitori e degli insegnanti sono necessarie, ma abbiamo bisogno di sostenere l'azione delle scuole e delle famiglie con appositi strumenti di protezione finché i giovani non sono in grado di prendere decisioni consapevoli».
    Nonostante rispetto a un anno fa la situazione sia per certi aspetti migliorata - 10 siti su 14 ora rispondono alle richieste di assistenza, 12 mesa fa erano 5 - non tutti pubblicano con chiarezza le condizioni d'uso per i minori o ne hanno una versione semplificata: tra i più meritevoli ci sono Arto, Bebo, Facebook, Giovani, Hyves, Netlog, One, Rate e SchülerVZ.
    In ogni caso, la via principale per garantire la sicurezza dei minori in Rete passa attraverso la navigazione insieme ai genitori: ecco perché l'Unione Europea ha indicato sette regole da seguire in famiglia.

    Si va dall'imporre limiti precisi a Internet, piazzando inoltre il PC in un luogo ben in vista della casa alla necessità di parlare in casa dell'uso del web, dal controllare i contenuti conoscendo i siti più visitati dai figli allo spiegare l'importanza di non condividere dati personali, compresi indirizzi e numeri di telefono.
    I genitori devono poi mantenere aperto il dialogo con i figli, per evitare che questi agiscano in Rete senza che essi ne sappiano alcunché e abbiano contatti con sconosciuti e utilizzare software di protezione che permettano di bloccare i siti pericolosi e filtrare quelli non sicuri.

    L'UE: minori, attenti ai social network 22-06-2011


    Pedofilia: approvata legge de La Destra

    E’ stata approvata ieri dal Consiglio comunale di Catania con 13 voti favorevoli e 14 astenuti la mozione consiliare presentata dal gruppo consiliare de “La Destra-As” a Palazzo degli Elefanti (Manfredi Zammataro primo firmatario, Gemma Lo Presti e Nello Musumeci) con la quale si impegna l’amministrazione comunale ad istituire un apposita convenzione con la banca dati dell’ “Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile” per poter trasmettere i dati e le informazioni utili a porre in essere tutte le iniziative volte alla sensibilizzazione del problema della pedofilia e della violenza sessuale sui minori e alla salvaguardia degli stessi ,al monitoraggio del fenomeno dell’abuso e dello sfruttamento sessuale dei minori, della pornografia minorile e al fine di poter mettere in campo tutte le azioni di prevenzione e repressione ad esso collegate.


    “L’approvazione della nostra mozione è un ulteriore e importan
    te tassello nella lotta alla pedofilia e pedo-pornografia. Sempre più spesso apprendiamo infatti dagli organi di stampa e dai mass media di un incremento esponenziale degli episodi di violenza sessuale ai danni dei minori – dichiara Manfredi Zammataro, vice capogruppo de ‘La Destra-As’- e in molti casi gli orchi e le streghe sono persone perfettamente integrate nel contesto sociale, quindi difficili da riconoscere. Basti pensare –continua il consigliere comunale- che nella maggior parte dei casi gli abusi sessuali sono commessi da familiari, genitori, nonni, parenti, ma anche conviventi, amici di famiglia, insegnanti ed educatori. Siamo convinti pertanto che sia dovere morale dell’Ente comunale garantire il diritto alla sicurezza dei minori cerando di tutelarli da tali avvenimenti che comportano traumi fisici e psicologici.

    “Per questa ragione con la mozione approvata–prosegue Zammataro- impegniamo l’amministrazione ad istituire una convenzione tra il comune di Catania e la banca dati dell’ “Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile” organo istituito presso la Presidenza del consiglio dei ministri, il cui compito è quello di acquisire e monitorare i dati e tutte le informazioni relative alle attività svolte da tutte le pubbliche amministrazioni per la prevenzione e la repressione del fenomeno dell’abuso e dello sfruttamento sessuale dei minori. Conoscere, infatti, è condizione necessaria e indispensabile per poter mettere in atto le strategie necessarie per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno e per definire gli interventi più adeguati a tutela dei minori. 

    Pedofilia: approvato OdG de La Destra 22 - giugno - 2011


    martedì 21 giugno 2011

    tra gli orrori della pedofilia

    «Se dopo aver visto le immagini di bambini in fasce torturati a morte per il piacere sessuale di pazzi deviati riesci ancora a dormire. Se dopo aver finto di condividere certe passioni per incastrare uno di questi mostri ignobili riesci anche a passare una notte non tormentata dagli incubi, allora quello che dormi è davvero il sonno dei giusti. Ma in generale non è per niente facile addormentarsi quando lavori sotto copertura a caccia di pedofili».
    Quarant’anni, due figli, nervi e stomaco d’acciaio che convivono con una grande sensibilità. È l’identikit, volutamente stringato, di uno dei più esperti poliziotti della squadra anti pedopornografia della polizia postale di Genova. Una squadra che spesso lavora sotto copertura su internet per stanare gli amanti della pedopornografia infantile. Per capirsi, materiale che ritrae adulti che abusano di bambini da zero a 12 anni.
    Ci vuole un bello stomaco per fare l’infiltrato tra i pedofili.
    «Si. E non solo quello. Servono anche nervi d’acciaio e molto studio, anche di te stesso, alle spalle. La cosa più importante è essere pronti a cogliere i segnali che la psiche ti manda quando stai per andare fuori di testa a furia di rimestare nel torbido. E a quel punto sapersi prendere una pausa».
    Ma come, nessuno vi controlla?
    «Esiste un ufficio che si chiama Uaci, acronimo di Unità analisi crimine informatico: oltre a eseguire le statistiche dei reati commessi e scoperti in rete, hanno un’equipe di psicologi pronta a intervenire in caso di problemi del personale».
    E funziona?
    «Si, ma è a livello centrale, a Roma. Quindi in genere entra in scena quando si verificano problemi gravi».
    Quindi non c’è prevenzione a livello centrale? Non ci sono regole che impongano, magari, di lavorare per un certo numero di anni e non di più in modo da ridurre i rischi?
    «No, anche perché più si lavora in un campo e più ci si specializza. Quindi, se una persona funziona e regge lo stress, sarebbe un peccato trasferirla. Ma è chiaro che i responsabili degli uffici sono molto attenti a ogni segnale di anomalia. Gli stessi operatori, sono formati, e in questo caso sì con corsi di aggiornamento frequenti, a individuare le falle del sistema nervoso. Spesso sono gli stessi operatori a chiederti di andare via quando non ce la fanno più a sopportare più tanto orrore. Perché davvero di orrore si tratta».
    Quali sono i problemi più comuni?
    «I pensieri intrusivi che non ti permettono di staccare mai completamente da quello che stai facendo, e i problemi legati alla sfera sessuale».
    Spieghi di più.
    «I pensieri intrusivi sono quelle immagini che ti tornano in mente anche nei periodi di riposo. Sei sulla spiaggia con moglie e figli e ti torna in mente l’immagine atroce di un bambino torturato o abusato che piange. Dopo è difficile tornare allo stato d’animo di tranquillità, può rovinarti una giornata. Peggio ancora, si rischiano variazioni della libido. Veri e propri crolli del desiderio, cosa che ti può cambiare la vita, far naufragare le relazioni. Insomma, non è semplice».
    Lei ha mai dei crolli?
    «Mi capitano spesso i pensieri intrusivi, ma mi succedeva anche dopo aver visto i morti. Ad esempio non riesco a togliermi dalla testa il viso di un uomo che tortura a morte un bambino in una sorta di villaggio siberiano. Sono certo che in qualunque momento in qualunque posto lo vedessi, lo riconoscerei».
    Cosa le permette di andare avanti in un lavoro tanto difficile?
    «Salvare delle giovani vittime, a volte ci riusciamo, e naturalmente stanare i colpevoli e mandarli al fresco. Ma prima di tutto salvare i ragazzini e le ragazzine, magari un momento prima che vengano adescati. Questo non ha prezzo».
    Come si fa, come funziona il lavoro sotto copertura?
    «Ci sono diversi metodi, quello emotivamente meno stressante è tracciare, ovvero seguire i file pedopornografici che in certi casi immetti tu stesso nella rete. Purtroppo abbiamo tonnellate di materiale archiviato e qualche volta lo pubblichiamo in rete per seguire il percorso che fa: scoprire chi lo guarda, chi lo scarica, chi lo passa agli amici delle community di consumatori di pedopornografia».
    E poi c’è il lavoro di infiltrato vero e proprio. Come va questo?
    «Anche qui, puoi fingerti vittima o pedofilo. Vittima è complicato perché spesso chi aggancia ragazzine e ragazzini in rete usa la web cam per vedere con chi parlano, per chiedere spettacolini hard: sono cose che le ragazzine fanno, magari in cambio di una ricarica al cellulare, perché si sentono protetti dallo schermo del pc. Farlo per finta, sotto copertura, è complicato: per capirci, non puoi usare un filmato perché magari la persona dall’altra parte ti chiede di fare una cosa che nel filmato non c’è».
    Fingersi un pedofilo, invece, come ci riesce?
    «Ti devi mettere al loro livello, anche questo non è facile, anche entrare nelle menti dei criminali è rischioso. Ma è il tipo di lavoro che porta più frutti. Chiedi di vedere che cos’hanno da mostrare, e il primo file che ti arriva non è solo un pugno nello stomaco perché sicuramente mostra qualche cosa di atroce: è anche il primo passo per incastrare questi bastardi. Tu allora trattieni la rabbia, ringrazi, dici anche che bello. Ma intanto, dentro, sai che il cerchio si sta stringendo intorno a un mostro».

    Padre, poliziotto e infiltrato tra gli orrori della pedofilia 


    La porno stagista della Clinton

    Dal suo account di Twitter, @sammiespadesxxx , gongola incredula per l'ondata inaspettata di popolarità: la stampa mondiale sta parlando di lei, Sammie, e della sua strana e fulminante carriera professionale. Dal college e dagli studi in legge, con il sogno nel cassetto di diventare avvocato, la bionda e procace ventenne di Buffalo è finita sui set cinematografici a luci rosse, settore che paga meglio e subito chi come lei dichiara di aver bisogno di denaro. E oggi, un po' più ricca e un po' meno vestita, si definisce così: star del cinema a luci rosse, dalla Porn Valley, California.


    L'INCONTRO CON HILLARY – Tutto sarebbe passato in silenzio, o forse sarebbe comparso solo in qualche biografia di un magazine per soli adulti, se Sammie non fosse stata, in passato, una delle stagiste di casa Clinton. Questa volta non del chiacchierato marito Bill (Sammie giura: non l'ho mai incontrato), ma della moglie Hillary. Nell'estate del 2006 infatti, quando Sammie studiava legge al college, incontrò la politica americana a un banchetto e le chiese di poter fare esperienza nei suoi uffici. Quell'estate, come dimostrano le foto pubblicate sulle webzine di gossip americane  Sammie Spades lavorò a stretto contatto con Hillary nei suoi uffici di Buffalo, NY. Semplici mansioni d'ufficio, e la fortuna di poter stare a contatto con una personalità politica agguerrita, respirandone le strategie: una scuola che molti studenti in legge sognano di mettere in curriculum. E che per Sammie poteva essere l'anticamera verso la professione forense, o la carriera politica.
    DALLO STAGE AL SET - Ma il tirocinio in casa Clinton non bastò a convincere Sammie a perseverare negli studi e cercare un posto di lavoro in un ufficio legale, come lei stessa dichiarava di voler fare. Dopo qualche anno, complici problemi economici familiari, Sammie si vide costretta ad abbandonare la facoltà di legge per lanciarsi nella sua nuova carriera di pornostar. «Non penso che Hillary ne sarebbe felice», ha ammesso al quotidiano Daily Mail. Ma la popolarità e i fan certo non le mancano: su Facebook ha pagine a lei dedicate, su Twitter e sul suo sito molti fan che seguono i suoi spostamenti e i racconti – sempre molto soft – dei suoi appuntamenti professionali. Meno visionari sono, invece, i titoli dei film che la vedono protagonista: opere come «Big Butts Like It Big n.8», o «White Bubble Butts n.4».


    21 giugno 2011

    Da stagista della Clinton a pornostar, il caso di Sammie scuote la politica Usa 


    The First Porn and Gamification App

    Leading adult Android app creators and distributors MiKandi have released the first app to combine game mechanics and explicit content. Despite my usual lowered expectations for porn (but happiness for male-female adult content startup cofounder teams), I think the Femjoy Android App also happens to be tasteful and smart.
    When Apple unexpectedly purged over 5,000 previously-approved “naughty” apps last year (likely fueled by The Parent’s Television Council’s Apple app ‘cleanup’ campaign), they did more than rip the rug out from under developers whose income streams disappeared overnight. Android’s Market became a place where racy and adult apps could swim, sink, or flourish.
    MiKandi reacted to the purge with an open call to devs, posting this offer to its company blog: “We look forward to working with any developer who has been displaced by Apple in recent weeks. Don’t worry, developers - MiKandi supports you and your sexy apps. Come to the dark side. We have cookies.”
    MiKandi quickly became the leading Android adult app provider. The company’s open view on censorship has garnered a tremendous amount of global press and continues to gain support from the Android user community. (Developers can register atdeveloper.mikandi.com.)
    It’s pronounced like “my candy” and I assure you that their apps provide more than a sugar high. I’m confortable saying outright that I like good porn, and I’m more than persnickety when it comes to porn content delivery systems. And by now, you all know that I’ll make fun of cliche startup apps in a red-hot second, so let me explain what stands out about this app. Other than the obvious, wonderfully jiggly bits known to stand out most.
    MiKandi just released The Femjoy Pure Nude Android App (link is NSFW). It cleverly combines the game mechanics of Foursquare, the openness of Android and the sexiness of Victoria’s Secret. It’s an all-girl model-fest with women so drop-dead gorgeous - which is Femjoy’s hallmark.
    In case you’re unfamiliar with the porn space, there have been a lot of genre changes, especially in the “babe” market. Prior to widespread Internet distribution, consumers had little choice about what they could choose from to turn them (and their partners) on.
    A significant number of consumers wanted tasteful, pretty porn shot by photographers that were artists, with models that look more like high-class lingerie models (think Agent Provocateur) - except they wanted the women to go all the way.
    The leaders in this new porn space disrupted the likes of Playboy, Hustler and UK lad’s mags. Commercial domestic porn mired itself while struggling with new technologies and distribution channels they couldn’t control - or optimize.
    So it made sense to me to see one of the leading high-class adult sites, Femjoy, team up with MiKandi to do something exciting in the Android app space. You may innovate your own double-entendres as you like.
    The app pulls from Femjoy.com’s (site oh so very NSFW!) array of 750 models, 180 contributing artists, HD photos and videos, and - unlike other sites that regurgitate content as daily updates, they actually have new content every day.

    The First Porn and Gamification App: MiKandi’s Femjoy for Android [NSFW]

     


    ShareThis

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...