Post in evidenza

School sex crimes up by 255 per cent, porn culture to blame

Reports of sex offences in schools continue to rise, according to police figures obtained by a Tes investigation

giovedì 29 settembre 2011

200 sacerdoti italiani condannati per pedofilia

Francesco Zanardi, presidente dell'associazione l'Abuso, che da anni denuncia casi di pedofilia all'interno del clero, ha consegnato all'Arcidiocesi di Genova, questa mattina nel capoluogo ligure, una lettera indirizzata al presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, con i nomi dei quasi 200 sacerdoti italiani condannati per pedofilia tra il 1998 e il 2011. "Da questo dossier - spiega Zanardi a TM News - purtroppo sono esclusi tutti i sacerdoti, che pur avendo commesso abusi, non sono stati ancora condannati dalla magistratura. La lettera contiene inoltre una serie di denunce ben circostanziate di cui avevo parlato al cardinale Bagnasco, durante un incontro che avevo avuto con lui lo scorso maggio, che non ha avuto alcun esito". "Nei confronti dei preti pedofili segnalati al cardinale -sottolinea il presidente dell'associazione l'Abuso - non è stato infatti preso alcun provvedimento anche se il vescovo di Savona, Vittorio Lupi, ha incontrato le vittime di questi abusi. Di questo -afferma Zanardi- chiediamo conto al presidente della Cei". Nei giorni scorsi, proprio per denunciare l'omertà e l'indifferenza della Chiesa davanti agli abusi sessuali commessi da sacerdoti, Zanardi ha cominciato un lungo pellegrinaggio a piedi con partenza da Savona, la sua città natale e arrivo in Vaticano, dove chiede di essere ricevuto dal Papa. "L'obiettivo di questa marcia - dichiara il presidente dell'associazione l'Abuso, che ha denunciato a sua volta le violenze subite da parte di un sacerdote - è anche quello di convincere le vittime, durante le varie tappe del pellegrinaggio, a denunciare le violenze subite perché purtroppo in Italia c'è ancora tanta paura ad uscire allo scoperto".

Sex Toy Company Launching Vibrator into Space


SexToy.com, a division of leading Internet adult product distributor Convergene (CNV.com) is leading a team to launch the first vibrator into space on Oct. 8. At least it's the first known vibrator racing toward the heavens--and, no, that is not the lame set up to a Sally Ride joke.

"I have always been into firsts and that is how I made my money," explains CNV.com CEO David "SexToy Dave" Levine in a company release. "I was one of the first on the web selling sex toys, first to have an adult affiliate program, the first to make three appearances on Bravo's hit show Millionaire Matchmaker and now the first online adult business with a space program."

The Vibrating Bullet brand product making the mission is no ordinary vibrator. The toy had to be developed to withstand temperatures of -75 degrees Fahrenheit, conditions 10 times beyond normal cosmic radiation and the elements that are present at an altitude of 100,000 feet, which is three times higher than the cruising altitude of a typical jetliner.

The throbbing stick will be carried into space by a partially solar-powered, partially helium-filled balloon that's 8 feet wide and able to withstand jet stream winds of up to 100 miles per hour for one to three hours. The balloon is expected to traverse up to 100 miles, and SexToy Dave's team expects to retrieve the pleasure maker intact. That's because the balloon will be outfitted with two consumer cell phones running tracking software and an experimental GPS unit.

But, before then, sex toy fans will be able to follow the vibrator in the sky on SexToy.com's new blog, "Chew On This." That's due to the balloon carrying a 1080p HD video camera and a 10MP still camera to capture images that will be sent back to Earth.

That is, we'll see those shots if someone (or some thing) does not intervene first and snatch Momma's little helper. If those egghead dishes collecting sounds from deep space later pick up eerie chatter of "B-b-b-b-b-battlestar Ga-ga-ga-ga-ga-gallactica," SexToy.com will know where to send the bill.

Sex Toy Company Launching Vibrator into Space 


ANTI-PORN: Protest against the "meat market"


Dozens of feminists have staged a protest in central London to protest against the "meat market" of the pornography industry, as adult entertainment executives attended an international trade summit in Bloomsbury.
Dressed as butchers in aprons smeared with fake blood, the activists waved pretend meat cleavers and chanted anthems outside the Radisson hotel in Bloomsbury. "You're not welcome in our city," they sang. "Pornographers go home!"
The three-day XBIZ EU conference, which opened for the first time in London on Friday, is billed as an "international digital media conference" for the adult entertainment industry.
Speakers include Michael Klein, president of Hustler, the pornographic magazine and website, and Berth Milton, chairman and chief executive of Private Media Group, a producer and distributor of pornography. Its website says it is "designed to deliver cutting-edge educational seminars, engaging technology workshops, special guest keynote presentations and high-energy business-networking and deal-making opportunities".
But to the men and women protesting, the conference's slick image conceals a disturbing reality of misogyny in 21st-century pornography. Julia Long of the London Feminist Network said: "This summit is being presented as a lavish, respectable corporate event, when in fact it is a brazen opportunity for the porn industry to plan new ways of profiting from the exploitation of women."
Watching the protest, Claire Wigington, head of marketing of Television X, said this argument was "simplified". "It's easy to say 'porn degrades women' but the women in the industry know what they're doing," she said.
In recent years the multi-billion dollar industry has become a focus for the feminist movement as fears grow over the impact its pervasive influence is having on society at large. Activists claim that viewing pornography can lead to greater acceptance of rape myths and attitudes supporting violence against women.
Gail Dines, academic and author of Pornland: How Porn has Hijacked our Sexuality, said it was "central" to the fight for equality. "You cannot have a massive industry built on the sexual torture and dehumanisation and debasement of women. If you want any gender equality in a society you cannot have this industry steam-rollering into men's psyches, sexuality and identity," she said, adding that there was an "immeasurable" difference between the X-rated industry of decades ago and the kind of "body-punishing, hardcore" material available now, which she says has become the "major seller" in the industry today.
Not all feminists agree, however. Catherine Stephens, an activist for the International Union of Sex Workers, said opposing pornography as a whole did not make sense as there were so many different kinds.
"This porn summit represents pimps in suits … meeting to plot how to push the boundaries of porn even further to increase their profits," said Anna van Heeswijk, campaigns co-ordinator of the activist group Object which organised the protest along with UK Feminista and other groups. "It is their aim to make the sexual violence of porn appear normal and acceptable. It is our aim to stop them. Our message is clear: 'Women are human, stop treating us like objects.'"

Pornography conference blasted as 'meat market' by protesters 


mercoledì 28 settembre 2011

Porno shop online per ebrei ortodossi


Si chiama KosherSexToys.net ed è il nuovo shop online su misura per soddisfare le fantasie erotiche degli ebrai ortodossi. Ma senza scontrarsi con i dettami della loro religione. Aprendo il sito ci si troverà infatti davanti qualcosa di inconsueto: dall'impaginazione sobria, all'assenza di immagini volgari e all'uso di un linguaggio attento a non offendere il senso del pudore. All'interno del sito è possibile trovare una lunga serie di giochi erotici e prodotti per rendere più eccitanti le proprie prestazioni sessuali, creati appositamente per le persone di religione ebraica senza violare lo Shabbat. Un'iniziativa che non ha mancato di generare forti polemiche in particolare a New york, città nella quale la comunità ebraica è particolarmente numerosa.

Porno shop online per ebrei ortodossi 


domenica 25 settembre 2011

PORNO ZOORASTIA



E’ un pratica dilagante e preoccupante, di cui in realtà si parla poco:  è la zoorastia, la nuova frontiera del turismo sessuale, che vede come protagonisti gli animali (cani e cavalli, ma anche mucche e maiali) costretti a rapporti sessuali con gli umani. Spesso anche bambini.
Tutto questo si traduce in un giro d’affari sempre più consistente, grazie agli annunci (oltre 4.000 ogni anno) pubblicati quotidianamente su giornali e siti internet da persone che cercano ed offrono sesso a pagamento con animali.
A lanciare l’allarme è l’AIDAA, Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (Aidaa), secondo cui la zoorastia è in continua crescita.
Per fermare il fenomeno, l’associazione ha lanciato un “numero arancione” 392.6552051,attivo tutti i giorni dalle 10 alle 12, per ascoltare denunce e segnalazioni (anche anonime) da parte di chi è stato testimone di abusi sessuali a scapito degli animali.
Ad incrementare il mercato online del "sesso bestiale" sono soprattutto i siti internet: attualmente sono circa 15.000 i portali che consentono di scaricare materiale pornografico e foto brutali, con bambini e bambine costretti ad avere rapporti sessuali con animali.
Il fenomeno della zoorastia - ha detto il presidente dall’associazione, Lorenzo Croce - è purtroppo molto diffuso anche negli ambiti cosi detti a elevato reddito, così come vale la pena di ricordare che vi sono molte persone che ritengono che fare sesso con il proprio animale domestico sia lecito, invece che una pratica abominevole, che spesso nasconde altre pratiche gravi. Da qui la decisione di avviare questa linea telefonica che presto sarà accompagnata anche da un pool di esperti che avranno il compito di analizzare il fenomeno della zoorastia nel suo complessivo e nei singoli casi”.
23 Settembre 2011

Sesso con animali: da oggi un “numero arancione” permetterà di denunciare gli abusi 

| Stampa |
 

giovedì 22 settembre 2011

Il porno espanso


Quale forma ha assunto la pornografia audiovisiva in epoca contemporanea? Come entra in rapporto con la cultura pop? A queste e ad altre numerose domande prova a rispondere questo imponente volume edito da Mimesis, raccogliendo contributi di studiosi provenienti da diversi ambiti accademici.
Questo libro collettaneo si presenta come riflessione a più voci sulla pornografia come pratica culturale da studiare servendosi di un approccio interdisciplinare. L’hardcore in questi anni ha infatti conosciuto – grazie anche alla diffusione delle piattaforme digitali – un processo di vera e propria dilatazione (aumento vertiginoso delle produzioni X-Rated, proliferazione di generi e sottogeneri per arrivare a nuovi target) che gli ha permesso di occupare i territori della Mediasfera e influenzare notevolmente linguaggi che un tempo si tenevano a dovuta distanza: moda, cinema “legittimo” (si pensi solo ai casi di Guardami di Davide Ferrario o di 9Songs di Michael Winterbottom), musica (per esempio nell’estetica di alcuni videoclip di Madonna, Christina Aguilera o Lady GaGa). Un’invasione che ha fatto parlare gli studiosi di pornificazione degli immaginari e dei generi.
Il porno viene dunque analizzato sia nella sua dimensione simbolica che in quella materiale: se ne traccia una “storia americana” dallo stagfilm fino all’online (nel saggio di Federico Zecca), in quanto macchina del piacere lo si rapporta poi all’economia capitalistica (questo il paragone operato da Stephen Maddison), si passano in rassegna le sue tipologie di brand per rendere conto di un oggetto di studio che, negli ultimissimi decenni, da genere cinematografico per adulti si è trasformato in un’industria culturale e in un’entità immateriale (una Pornosfera) che negozia i propri linguaggi con quelli di altri media (sulle ibridazioni tra porno e i nuovi generi televisivi come il talent e il reality si legga il contributo di Andrea Bellavita) e che trova la sua definitiva via d’uscita dal ghetto culturale grazie al web. Internet infatti, tramite alcune tipologie di blog e i social network, riesce a soddisfare il bisogno di esibizionedi rappresentazione del Sé e dell’incontro con altre identità espresso dall’utente (per esempio, Second Life).
Il porno espanso, andando a scandagliare sia l’ambito economico-produttivo sia quello riguardante la ricezione nonché quello linguistico, si pone in definitiva come pornstudy che inquadra il fenomeno non solo nella sua totalità ma anche nel suo processo di cambiamento; un processo che ha portato la pornografia a diventare lente d’ingrandimento sotto la quale leggere la nostra epoca contemporanea.


22 settembre 2011 Il porno espanso


In molti, e in contesti diversi, hanno affermato: "La pornografia è morta". Sono infiniti i "cadaveri" nella storia del pop: il rock, il punk, il grunge - solo per citarne alcuni - quasi fosse necessario decretare la fine di qualcosa per iniziare a parlarne. Il volume da te curato insieme a Biasin e Zecca, dimostrerebbe invece ben altro stato di salute rispetto all'oggetto del contenzioso.

Nella vastità di significati che oggi la pornografia assume, il volume da noi curato ha delimitato un campo d'indagine ben preciso, ovvero la proliferazione della pornografia nella mediasfera contemporanea. Quindi il nostro lavoro è dedicato, appunto, al "porno espanso" e non alla pornografia in generale. Questo ci ha consentito di "scavalcare" uscite vagamente categoriche come quella che citavi. Si tratta, a mio avviso, di boutade che lasciano il tempo che trovano. Giorni fa sfogliavo un numero di "Playman" del 1974, e già in quelle pagine si disquisiva se il porno fosse morto o meno. Da noi, intanto, tutto doveva ancora cominciare. Certo, se ci si riferisce alla pornografia in 35 mm, si può dire con serenità che essa sia durata pochissimo. La pornografia, intesa come genere, al cinema ha sicuramente avuto vita breve, ma il porno per sua natura è stato sempre legato a un numero straordinario di fenomeni, anche non strettamente riconducibili all'arte o all'estetica in generale.


Nel volume vengono esaminati da più punti di vista i processi di migrazione che portano la pornografia audiovisiva a disseminarsi all'interno di altri sistemi espressivi. Perché la "visione pornografica" attecchisce in modo così immediato nei canali attraverso cui arriva al mondo?


Bisogna guardare per un attimo all'archeologia del porno. Da una parte abbiamo un'industria che si è sempre presentata come innovativa, capace di sfruttare tecnologie ancora in fase di sperimentazione. E' nelle prerogative del porno riuscire a infiltrare settori tecnologici ancora non perfezionati e a creare subito una fetta di mercato. Il passaggio dalla pellicola al Vhs, in tal senso, ha fatto storia. D'altra parte, la cosiddetta "migrazione" fa parte di un processo di legittimazione recente. Nell'era digitale, la proliferazione del porno ha riguardato numerosi dispositivi. Ma bisogna fare grande attenzione: le immagini riconducibili alla sessualità sono da sempre state adottate come oggetto dirompente e, in una prima fase, la volontà di portare il sesso "dal vero" nei diversi generi cinematografici ha creato una vera e propria rottura. In seguito, però, la carica trasgressiva si è affievolita, il porno è diventato da un lato una componente fluida dell'immaginario, dall'altro un genere di consumo pressoché domestico. E da quest'ultima che si origina la "migrazione" verso altri canali come internet e la videofonia. 

La pornografia sottende ormai alla percezione contemporanea dei fenomeni culturali, sociali, politici?

Mi sento legittimata a rispondere a nome anche degli altri due curatori del volume. La risposta è no, rifiutiamo questo tipo di implicazioni soggettiviste, filosofiche. Noi indaghiamo la normalizzazione dell'immaginario pornografico e lo facciamo da una prospettiva concreta, di genere, badando a elementi materiali - come l'impossibilità di valutare davvero gli introiti dell'industria pornografica - che sono il sale del problema.


L'introduzione della pornografia ha rappresentato a suo modo una rivoluzione? O forse è stata l'unica rivoluzione vissuta sul piano socio-culturale da quella generazione intermedia, oggi più che quarantenne, cresciuta all'ombra dei reduci del Sessantotto, l'unico atto "eversivo" in grado di conferire un'identità? Se sì, quali sono stati gli elementi trainanti di questa rivoluzione?

Anche in questo caso è necessario porre un confine temporale. Non dobbiamo mai dimenticare che la pornografia per la generazione post-sessantotto era legale. Certo, su di un piano morale sempre condannata, ma la sua realizzazione o produzione non era più perseguibile per legge. Ritornando a quanto detto prima, la proliferazione della sessualità in determinati generi ha certamente rappresentato un affrancamento identitario. Ma per la generazione da te citata la pornografia era già un dato comune, un fatto affermato. Esistevano già rituali legata a essa - come quello di "svezzarsi" andando in un cinema porno, magari prima dei diciotto anni - e il problema riguardava, semmai, la reperibilità del materiale. Quella generazione non ha più dovuto cercare la sessualità nell'universo estetico che la circondava: aveva già un'industria che provvedeva ai suoi "bisogni".


sabato 17 settembre 2011

SCOPERTE PROSTITUTE MILIONARIE, RISULTAVANO SENZA REDDITO


Prostitute ed escort con tenore di vita miliardario ma che dichiaravano poco o nulla al fisco. A scoprirle il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Vicenza che, nell'operazione 'Hot Nights', ha calcolato un giro d'affari che a livello nazionale, raggiungerebbe un valore compreso tra uno e cinque miliardi di euro all'anno.

I finanzieri, monitorando le 'offerte commerciali' diffuse via internet, sono risaliti all'identita' di oltre un centinaio di donne, provenienti da Paesi dell'Est Europa, del Sud America e dell'Estremo Oriente asiatico e anche dall' Italia, che si prostituivano in diverse localita' del territorio vicentino e in altre provincie italiane, riscontrando discrasie molto evidenti tra redditi dalle stesse dichiarati e relativi indici di capacita' patrimoniale.

Alcune donne, segnala una nota della Gdf, ''pur non percependo formalmente alcun reddito, sono risultate proprietarie di immobili di ingente valore, di auto di lusso (Porsche, BMW, Mercedes, Land Rover, Jaguar, ecc.), di orologi di pregio (Rolex, Cartier, ecc.) nonche' detentrici di rilevanti disponibilita' finanziarie''.

Le incongruenze reddituali sono state portate all'attenzione, per le valutazioni di competenza, di nove diversi Uffici dell'Agenzia delle Entrate, ubicati in 4 diverse regioni italiane, competenti in relazione alle residenze anagrafiche delle interessate.



FISCO: SCOPERTE DA GDF PROSTITUTE MILIONARIE, RISULTAVANO SENZA REDDITO 17-09-11

Vita da Porno-Presidente





Duecentosettanta pagine. Sono quelle che compongono il rapporto della Guardia di Finanza che ha raccolto intercettazioni e testimonianze sul presidente del Consiglio e sul mondo che ruota attorno a lui. Un Berlusconi che di sé dice: «A tempo perso faccio il primo ministro e me ne succedono di tutti i colori». E così quando deve disdire una serata organizzata, perché «devo andare a Milano», aggiunge rivolgendosi a Gianpi: «Venitevi a prendere un gelato». Ma Tarantini ne approfitta per imbucarsi sull’aereo presidenziale con tutte le ragazze. «Marysthell andiamo? Ti passo a prendere».

L’inchiesta barese sul giro di escort per il capo del governo,racconta tutto questo: vizi privati osservati dal buco della serratura delle stanze delle residenze del premier, Palazzo Grazioli, Arcore e Villa Certosa. La prima volta non si bada a spese. Per non deludere il Presidente. Accade tutto il 5 settembre del 2008. Silvio e Gianpi si sono appena conosciuti in Costa Smeralda grazia a un invito di Eva Cavalli. L’Ape Regina, al secolo Sabina Beganovic, chiede a Gianpi di portare ragazze che «ci stanno al gioco», a una serata a Palazzo Grazioli. Tre ragazze, Sonia Carpentone, Vanessa Di Meglio e Roberta Nigro. «Le tre donne - si legge nel rapporto della Guardia di Finanza - partecipavano alla cena e trascorrevano la notte a Palazzo Grazioli, ospiti del Presidente Berlusconi, ricevendo l’indomani mattina dallo stesso un corrispettivo in denaro». E’ vero, le tre partecipano.Ma che fatica per Gianpi convincerle. Chi si è fidanzata e non vuole tradire, chi è a Parigi. E lui che deve pagare pure il volo Parigi-Roma... Commento il giorno dopo di Sabina, al telefono con Gianpi: «Io sono tornata a casa mia, alle dieci. Lui voleva che io rimanessi lì a dormire... però non ho fatto un cazzo perché lui non mi mischia con loro». E le tre ragazze? Una di loro, Vanessa Di Meglio confida a Gianpi: «Tutto a posto, tutto a posto. Le ragazze sono andate via alle sei... hanno fatto un bordello. Comunque tutto a posto, Io ho fatto colazione con lui». Gianpi: «Ti ha fatto un regalo?». Vanessa: «Sì ma loro hanno chiesto. Io non ho detto niente, non ho chiesto assolutamente. Lui mi ha detto: "Metti questo in borsa... mi fa piacere"». Verbale di Vanessa Di Meglio: «C’erano molti invitati quella sera a Palazzo Grazioli. Riconobbi George Clooney, Eva Cavalli e altre personalità dello spettacolo. In tutto 25-30 persone. Al termine della cena, rimanemmo io e altre due ragazze. Il presidente del Consiglio si appartò con le altre due che poi mi vennero a chiamare. Io le raggiunsi in una camera da letto dove era presente anche il presidente del Consiglio. Ci furono degli approcci...». Se non ci fosse la bobina con la voce di Silvio Berlusconi inconfondibile, la trascrizione di quella frase suona come una bestemmia, un falso. E invece bisogna ricredersi. Per la cena del 23 settembre del 2008, chiede Berlusconi a Gianpi: «Che dici se chiamiamo anche Rossella che c’ha una ragazza che canta in Vaticano molto brava? Magari invitiamo anche Fabrizio Del Noce, il direttore della fiction della rete uno della Rai? Così sentono che c’è lì qualcuno che ha il potere di farle lavorare. Insomma hanno l’idea di essere di fronte a uomini che possono decidere del loro destino. L’unico ragazzo sei tu, gli altri sono dei vecchietti... però hanno molto potere». Nottata a quattroIl vizietto del Presidente è la nottata a quattro, insomma con tre partner. Anche quella sera del 23 settembre. Mette a verbale Terry De Nicolò: «Delle ore ho dormito da sola e delle ore invece con queste due ragazze e Berlusconi... eravamo io, le due ragazze di Roma e Berlusconi». Che figura di ruffiana fa la europarlamentare Pdl Elvira Savino, al cui matrimonio partecipa Gianpi che si fa dare dal testimone Silvio Berlusconi il suo numero di telefono. Dunque Gianpi deve soddisfare una voglia di Silvio Berlusconi, quella di conoscere Carolina Marconi ed Elvira possiede il suo numero di telefono. Contatti, avances, proposte e alla fine accetta. Sms di Elvira a Gianpi: «Ci hai parlato?». Risposta: «Mi ha detto di sì». Gongola Silvio Berlusconi: «Ma domani sera che vorresti fare?». Gianpi: «Presidente io ho parlato già con Carolina e con Francesca. Loro vengono... in più ci sono.. queste due amiche che ho conosciuto molto carine». Berlusconi: «Posso portare qualche ragazza anch’io? Va bene combiniamo... faccio venire la musica... faccio venire Gemma per cantare ... Va bene? Facciamo alle nove e mezza...». Che confusione la storia della Manuela Arcuri. A sentire Francesca Lana, la nottata a tre con Silvio Berlusconi non si realizza per una questione di contropartita. Scrive il rapporto della Finanza: «Manuela Arcuri e Francesca Lana, entrambe donne dello spettacolo, erano attratte dalla prospettiva, tracciata loro da Tarantini, di ottenere, prostituendosi, vantaggi per la propria carriera professionale (nel caso della Arcuri anche per il fratello) nel cinema e in televisione». Questa è la premessa. Tarantini promette a Manuela che avrebbe fatto la valletta per Sanremo. «A quello dovete fargli un bel numero, tu e la tua amica». Dice Gianpi a Francesca. Francesca ne parla con Manuela, che risponde: «Dobbiamo parlare di quella cosa a due. Minimo per quello ci deve... se dovessimo fare una cosa del genere... ci deve già avere il contratto firmato davanti...». La firma mancanteL’11 febbraio del 2009 c’è una cena a Palazzo Grazioli. Il giorno prima Francesca riferisce a Gianpi: «Manuela dice che se non vede sto cammello, fino a quando non ha una certezza... non fa nulla per lui. Io le ho detto: "Manu forse dovrebbe essere il contrario, prima fai qualcosa per lui..."». Il giorno della cena. Gianpi: «... ma si era convinta, si era convinta un mese fa...». Francesca: «Sì ma le cambia da oggi da adesso a tre minuti poi ricambia idea». E dire che Manuela manda avanti proprio la sua amica Francesca (secondo la stessa Lago): «Frà però mo glielo devi dire del film, delle cose, è ora che gli parli». Risponde Francesca: «Ho capito Manu, ma non glielo posso dire alle quattro di mattina quando stiamo dentro il letto...». Il tira e molla finisce male. Il 18 febbraio del 2009, Berlusconi confida a Gianpi di essere «rimasto molto indignato per la volgarità espressa dalla Manuela Arcuri nel corso di una intervista rilasciata alle Iene, ritenendola cancellata». Graziana Capone, la Jolie di Bari con Silvio Berlusconi, la notte del 28 settembre del 2008. Scampoli di conversazione tra lei e Gianpi, la mattina dopo. «Con chi stai mo’?, con le ragazze vicino?». Lei: «No. Io e lui e basta. Tutte le ha mandate via». Gianpi: «Ma è rimasto contento?». «Assolutamente. Io ho bisogno di dormire un po’, sono andata a letto tardissimo, a letto... ho dormito un’ora...». Tarantini: « Ti ha detto che ti dà una mano?». Lei: «Si, è stato lui, io zero...». E’ egocentrico Gianpi. Che chiede alla ragazza se Berlusconi ha parlato di lui. Graziana: «Mi ha chiesto da quanto tempo ti conoscevo... io ho detto un po’ di anni». Gianpi aveva confidato alla ragazza le sue aspirazioni di essere eletto parlamentare. Nelle carte c’è il gallo Berlusconi che si compiace delle sue performances. «Stamattina mi sento bene, sono contento della mia capacità... di resistenza agli assedi della vita». Una sera è a cena in un ristorante milanese con giovani imprenditori. Racconta a Gianpi: «Ho preso otto numeri, ma ce ne erano di più... Russe, italiane e brasiliane. C’ho 8 numeri di donne nuove....». Anche Gianpi che non è da meno però è alquanto colpito dall’iperattivismo sessuale del Presidente. «Ma lei mi deve spiegare una cosa, ma alle donne lei cosa fa?». Risponde Berlusconi: «Come cosa faccio (ride, ndr)». Gianpi: «In tanti anni di amici, di frequentazioni che ho fatto, non ho mai visto uno che fa impazzire così tanto le donne, ma veramente... perché lei ora mi ha detto "è il mio sogno proibito" ho detto "basta, non dire più niente"». Berlusconi: «omissis... va bene senti allora ci mettiamo d’accordo...».Prostitute per il principeNon è poi vero che la macchina non si inceppa, qualche volta. Gianpi vuole strafare come è suo solito. Voleva organizzare una serata con ragazze nuove. Berlusconi fa presente che è molto stanco: «Voglio fare il bravo perché non posso più andare avanti.. mi devo riposare un po’ di più perché sono veramente molto stanco. Ci sentiamo... facciamo una cosa... che mettiamo una cosa che è novità e basta?». Tarantini: «Bravo mescoliamo un po’ quelle, quelle che abbiamo già. come deve chiuderne alcune ancora, dico ne deve concludere alcune, quelle due, tre che sono rimaste..». I tentativi di Gianpi alla fine vanno in porto. C’è un permaloso Berlusconi che affiora negli affari di famiglia con Gianpi Tarantini. L’intervista alle Iene di Manuela Arcuri porta il presidente a troncare ogni rapporto con l’attrice. Berlusconi non vuole che le sue donne lo scavalchino. Così quando capisce che la giovane Carolina Marconi ha preso contatti con Fabrizio Del Noce s’arrabbia perché non l’ha interpellato. Con una valanga di intercettazioni, di testimonianze, di serate per il Principe, anche la storia di Patrizia d’Addario, che pure sembrava portatrice di sconquassi, alla fine è diventata una tra le tante squallide storie di reclutamento di prostitute per il Principe. Gianpi Tarantini sperava di avere un suo tornaconto che si chiamavano Finmeccanica e Protezione civile. E poi di mettersi in affari con Roberto De Santis negli appalti nel settore dell’energia. Sono appena due mesi che Gianpi organizza le seratine per il presidente. Berlusconi ricambia il 13 novembre: «Sono in macchina con il sottosegretario Bertolaso, te lo passerei così vi metterete d’accordo direttamente...». E già che ci siamo, perché non proviamo con Finmeccanica? Chiede Gianpi a Enrino Intini, l’imprenditore: «In che rapporti stai con Guarguaglini? Bene? Vallo a trovare stamattina...». E poi gli appalti per l’Aquila e gli agganci con le aziende satelliti di Finmeccanica. Ma pare di capire che questa parte dell’inchiesta è stata stralciata. «Devo purtroppo partire per Milano perché mi è successo un guaio su là: devo essere domani mattina prestissimo e poi l’aereo c’è solo stasera, quindi purtroppo ho cambiato tutti i programmi e parto per Milano. Se tu credi di poter arrivare qui adesso e che vi offro che so un gelato».Vita da presidenteVita da presidente, ogni tanto. E Silvio Berlusconi deve partire d’urgenza. Scrive la Finanza: «In questo frangente Tarantini dimostrava di saper trarre il massimo vantaggio anche dalle situazioni apparentemente a lui sfavorevoli, proponendo a Silvio Berlusconi di volare tutti insieme sull’aereo presidenziale, dicendo che le ragazze che aveva reclutato abitavano a Milano e facendo credere che lui aveva un impegno di lavoro in città, l’indomani mattina». Tarantini: «Sennò veniamo insieme a lei a Milano (risata). E poi rivolgendosi a Marysthell Polanco e a qualcun’altra che si trova con il gruppo: «Andiamo a Milano ora vi va? Con l’aereo con lui». Le sue interlocutrici rispondono di sì. Gianpaolo poi comunica al Presidente: «Va bene, se ci dà mezz’ora, il tempo di fare la valigia, veniamo». Giunti con l’aereo presidenziale a Milano, saltata la possibilità di passare la serata in compagnia del Presidente Berlusconi, Gianpi Tarantini (sempre secondo la Guardia di Finanza) «trascorreva la notte al Principe di Savoia di Milano in compagnia di Maria Esther Garcia Polanco».



"Faccio il premier a tempo perso" 


venerdì 16 settembre 2011

Bangladesh: Human Trafficking - A Modern Slavery


Dear Mother
Take my Salam. Hope you are all fine by god’s grace. I am not well. I don’t know whether I will get mercy from you ever….I don’t know when I will be able see you all…..I am in a difficult situation, a situation that cannot be explained in words. Please forgive me mother.
Your beloved daughter
Poly

The letter was written by Poly Akhter,16, and was with her father Karim Mollah, a resident of Kalwala Para in Section 1, Mirpur.
Poly wrote the touching letter from India eight months ago to her mother, stating her awful condition in a brothel in India. Poly a victim of human trafficking was taken to one of India’s hard-core sex-trade areas, Budhwar Peth in Pune by one who had befriended her.
Four girls including Poly and Jakia Dewan were smuggled earlier this year to India by Priya Akhter, a women and child trafficker from Mirpur. Akhter a notorious smuggler is also connected to India-based gangs and has been trafficking since 2008.
Fortunately the Pune police recently rescued Jakia Dewan from Budhwar Peth. Similarly, the Jessore police rescued teenage girls Meem and Boby from the Marwari Mandir brothel this year when they sought help. These two friends were promised better jobs abroad by Priya and taken from Mirpur to the Jessore brothel. However, Meem realised immediately that it was a brothel and managed to escape.
There are many other sisters like me who were sold to this brothel and no one from outside can understand what is happening inside this house,” says Keya who was in forced prostitution for seven years. Keya was sold to the brothel by her boyfriend Nazmul.
To be in the sex trade, ring members in human trafficking first force the girls  to have sex with them and then introduce the clients. “Every day they forced us to sell ourselves  ten to fifteen times, if we didn’t they would burn our body with a cigarette’, says a victim who is still locked in the brothel.
‘There are three tiers in the transaction. Each tier gets Taka four to ten thousands for each woman and the total transaction involves Taka forty to forty five thousands’, says Dipti Baul, Job Placement Officer of Bangladesh National Woman Lawyers’ Association.  Baul is working in the Anti-Trafficking Project of the Association.
‘This amount doubles for the prettier girls because Indian brothel houses have a good demand for them,” she adds. And finally last agent from India get girls by Indian Rupees 100000 from the trafficker.
Investigations carried out by this reporter finds that brothel Marwari Mandir in Jessore and brothel village in Banisanta in Khulna are the most used transit points by the traffickers to smuggle women and children into India and Pakistan.
Traffickers target especially locations like Mirpur, Ashulia and Savar where the garment industries are located. Traffickers’ primarily focus on lucrative areas like the Bihari camp in Mohammadpur, Millat Bihari camp in Mirpur, Telugu camp in Agargaon and Horizon camp in old town. The Rohingya refugee camp in Cox’s Bazar is also one of the main target places of the traffickers.
Numerous newspaper reports show that there are more then 20 transit points along the India-Bangladesh border that are used for trafficking. Most of the transit points are in Khulna, Shatkhira and Jessore.
Some marriage registration centres also work hand-in-hand with this network.  Registrars arrange fake marriages that allow the so-called ‘husbands’ to smuggle their wives out in exchange for money.
It is often difficult to determine if a girl is being smuggled or is migrating.  Only the final destination will tell the truth.

Bangladesh: Human Trafficking - A Modern Slavery 


martedì 13 settembre 2011

Ue, minori poco protetti sul web

77% utenti 13-16 anni usa social network, 32% bimbi 9-12 anni



I Paesi Ue non fanno tutto il necessario per assicurare protezione ai bambini che navigano in rete: lo dice uno studio presentato dalla Commissione europea. Bruxelles suggerisce di lavorare su tre fronti: miglior uso delle linee dedicate alla denuncia di contenuti illegali, sensibilizzazione sui rischi dei social network, classificazione piu' precisa dei videogiochi online. Oggi circa il 77% degli utenti tra i 13 e i 16 anni usa social network, come il 32% dei bambini tra 9 e 12 anni.

Ue, minori poco protetti da web




PEDO-CRIMINI CONTRO L'UMANITA': IL PAPA ALLA SBARRA


Le vittime di abusi sessuali nella Chiesa dell'organizzazione statunitense Snap (Survivors Network of those abuse by Priest) hanno chiesto ufficialmente al Tribunale Penale Internazionale dell'Aia di investigare contro Benedetto XVI, il card. Tarcisio Bertone, il suo predecessore, il cardinale Angelo Sodano, il prefetto della Congregazione della dottrina della fede cardinale William Levada e altri esponenti della gerarchi della Chiesa per stupro, violenza sessuale e tortura.

Snap insieme all'organizzazione per i diritti umani Center for Constitutional Rights (CCR), ha presentato un dettagliato fascicolo al tribunale dell'Aia per dimostrare che il Vaticano «tollera e permette la sistematica e diffusa protezione» di chi commette abusi e molestie su minori nel mondo. Il fascicolo comprende circa 20mila pagine.

I rappresentanti statunitensi e europei dell'associazione hanno lanciato per i prossimi giorni un tour europeo che li porterà a toccare le principali capitali del Continente.

Il senatore indipendente Nick Xenophon ha accusato la chiesa cattolica australiana di insabbiamento delle accuse di stupro e abusi sessuali commessi circa 50 anni fa ai danni del futuro arcivescovo anglicano John Hepworth, quando era seminarista cattolico.

Xenophon ha chiesto che la Chiesa destituisca un sacerdote, ora parroco nei pressi di Adelaide, unico sopravvissuto dei tre accusati delle violenze sessuali commesse per 12 anni su Hepworth, cominciate nel 1960, quando aveva appena 15 anni, e ha minacciato di farne il nome, sotto protezione del privilegio parlamentare.
  

Il vescovo Hepworth, che a causa degli abusi aveva lasciato la chiesa cattolica e ora è primate della Comunione anglicana tradizionale nel mondo, a cui Benedetto XVI ha offerto di unirsi alla Chiesa cattolica, aveva rivelato giorni fa di aver denunciato gli abusi nel 2007 all’arcidiocesi di Adelaide.


Il senatore ha chiesto che sia destituito anche monsignor David Cappo, che presiede una Commissione governativa sulla salute mentale, perché coinvolto nella copertura degli abusi.


«Nonostante ne fosse informato dal 2007 e avesse ricevuto una dichiarazione dettagliata di sei pagine nel 2008, David Cappo ha detto al vescovo Hepworth quest’anno che le indagini erano ancora  allo stadio preliminare».

12/09/2011

Pedofilia, gerarchie cattoliche sotto accusa 


ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...