Post in evidenza

Porn Empire

With Hugh Hefner's death, the media has erupted in praise for his contributions to society through the pornography magazine he found...

martedì 26 febbraio 2013

Iceland's internet 'porn shield' will confront hardcore violence


The Icelandic minister of the interior's recent initiative to address the online circulation of hardcore pornography has received considerable attention from the international media. Many commentators have offered their views on the subject, some to commend the effort, others to dismiss it as well-intentioned, if misguided, or as an attempt to censor internet access in Iceland.
The ministry's initiative emerges from an extensive consultation process on sexual violence, encompassing police, child protection specialists, lawyers and academic researchers. The experts raised concerns about the effects of porn on the nature – and possibly the scope – of sexual violence in Iceland. Research has also shown that children in Iceland are first exposed to pornography at the average age of 11. In some instances, children have been dramatically affected by it, and symptoms include social isolation and anxiety. There have also been reported cases of teenage boys re-enacting pornographic sexual acts on younger children. Finally, violent pornography is influencing teenagers' first sexual experiences.
Pornography can reach children in different ways, but it is evident that the probability of a child becoming an adult without seeing porn is close to zero. This is a matter of concern since mainstream internet porn is becoming increasingly violent and brutal. It does not simply consist of images of naked bodies, or of people having sex but of hardcore violence framed within the context of sex. Young women are usually referred to as sluts, whores, bitches etc, and represented as submissive. Men, meanwhile, often act in a dominant, degrading and violent way towards them. A fairly typical example could include a mouth-penetration, performed to produce choking, crying or even vomiting. The violent misogyny produced by the porn industry has become our children's main resource for learning what sex is about, which is a cause of serious concern.
In response to the above-mentioned expert concerns, three ministries – the ministry of the interior, the ministry of education, science and culture and the ministry of welfare – called upon a wide range of professionals to discuss and analyse the societal effects of violent pornography and to contribute to the development of a comprehensive, holistic policy. Proposals emerging from this process are now being implemented under the auspices of the three ministries. These include increased emphasis on violence prevention, revision of sex education and the forming of a comprehensive policy on sexual health. The proposals on legal amendments – now under consideration at the ministry of the interior – are, however, the ones that have received the most attention.
Firstly, a bill is being prepared with the aim of narrowing the legal definition of pornography – the distribution of which is already illegal – to encompass only violent and degrading sexual material. The goal is to make the important distinction between sex, on the one hand, and violence, on the other. This approach is based on the Norwegian penal code.
Secondly, a committee, headed by the ministry, is now exploring how the law can be implemented. The key question pertains to the possibility of placing restrictions on online distribution of violent and degrading pornography in Iceland. Under discussion are both technical solutions and legal and procedural measures.
Critics of this effort have argued that any such attempt automatically involves censorship and unlawful restrictions on the protected freedom of speech. It is important to emphasise that our freedom of speech and behaviour is limited in many ways, without it being considered in violation of our universal human rights. The obvious example is the general consensus on the illegality of child pornography, which includes material that does not place children directly at risk, eg cartoons with child-related sexual material.
Similarly, we should be able to discuss the circulation and the harmful effects of violent online pornography. And we need to be careful not to force the debate into the bipolar trenches of complete laissez-faire on the internet, on the one hand, and online censorship, on the other.
Furthermore, it is argued that it should be the parents' responsibility to protect their children from unwanted material on the internet. This argument is rooted in the ongoing debate on whether society as a whole, or parents alone, should be responsible for children's welfare. International instruments support the societal approach, most notably the UN convention on the rights of the child. Such a collective approach to welfare is also one of the cornerstones of the Nordic welfare model.
All parents know that it is impossible – and far from desirable – to keep an eye on their children at all times. Internet filters for home use provide a degree of protection, but the measure is limited as children access the internet in different places and on different devices.
It has also been maintained that even the best technical solutions to limiting the distribution of violent online pornography can never be fully implemented because the porn industry will always find a way to circumvent restrictions. This might be true, as it is with respect to many issues constituting threats to public health. But what if we managed to create a society where at least 80% of children grow up without their sexuality being shaped by violent porn? What if we only manage to raise the average age of children when they are exposed to porn for the first time from 11 to 16? Would that be worth a try? Our answer is yes. That is why we are debating the topic and willing to consider radical solutions.

Iceland's internet 'porn shield' will confront hardcore violence 26 February 2013



Ti piace?

venerdì 22 febbraio 2013

Il Conclave dei Pedofili


Forte di 11 cardinali, la componente statunitense del prossimo Conclave è la più consistente dopo quella italiana. Anche per questo molti vaticanisti inseriscono Timothy Dolan, vescovo di New York e capo della chiesa cattolica nordamericana, tra i papabili. Ma sulla chiesa Usa pesa da anni l'ombra dello scandalo dei preti pedofili: una questione destinata a contare nella scelta del successore di Benedetto XVI e non solo per quanto successo al di là dell'Atlantico.
Ieri è tornato sotto i riflettori il caso del cardinale belga Godfired Danneels, messo sotto inchiesta tre anni fa per il sospetto di aver occultato centinaia di casi di abusi sui minori. E alcuni gruppi di fedeli hanno chiesto di nuovo le dimissioni del cardinale irlandese Sean Brady, accusato di non aver bloccato i molti sacerdoti pedofili di cui, pure, aveva saputo (la vicenda risale agli anni 70 e Brady si difende sostenendo che allora, quando partecipò alle indagini ecclesiastiche, non aveva i poteri per intervenire).
Ma la chiesa più scossa dalla tempesta della pedofilia è sicuramente quella americana, dove gli episodi denunciati sono ormai migliaia. Il caso più eclatante, del quale anche il Corriere si è occupato nei giorni scorsi, è quello del cardinale Roger Mahony: l'ex arcivescovo di Los Angeles invitato a gran voce da molti gruppi cattolici (ai quali ha fatto da megafono anche il settimanale Famiglia Cristiana ) a restare a casa, rinunciando a partecipare alla votazione per il nuovo Pontefice.
Mahony, indagato dalla magistratura per le sue gravi omissioni, dovrà deporre in tribunale domani, prima di partire per Roma. Ma il cardinale californiano non è l'unico che in questi giorni è stato chiamato a testimoniare su casi di abusi sessuali. Ieri è toccato proprio a Dolan, ascoltato a porte chiuse sui casi di pedofilia verificatisi nella diocesi di Milwaukee, in Wisconsin, della quale l'autorevolissimo prelato, chiamato da Barack Obama e Mitt Romney a benedire tanto la «convention» democratica quanto quella repubblicana prima delle elezioni presidenziali del novembre scorso, è stato capo per sette anni, dal 2002 al 2009. A differenza degli altri cardinali, Dolan non ha gestito la diocesi mentre si verificavano i casi di pedofilia. Anzi, venne mandato a Milwaukee per cercare di riparare i danni e ridare prestigio alla Chiesa dopo lo scandalo. Ma oggi il cardinale deve fronteggiare i rilievi degli avvocati di 350 delle 570 persone che subirono abusi a Milwaukee e che lo accusano di non aver fatto molto per individuare e punire i responsabili e, soprattutto, di aver occultato (anche in un fondo per la gestione dei cimiteri) una parte del patrimonio della diocesi (120 milioni di dollari) che andava, invece, messo a disposizione delle autorità che avevano deciso una serie di indennizzi a favore delle vittime.
Ieri non è trapelato nulla della testimonianza di Dolan, che è stata secretata. Ma di certo l'episodio non giova all'immagine del cardinale che del resto domenica, a fine omelia, nella cattedrale di San Patrizio, aveva risposto con un beffardo «dovete aver fumato marijuana» ai cronisti che gli chiedevano di una sua possibile elezione a Papa. Dolan è diventato arcivescovo di New York nel 2009 e due anni dopo il suo successore a Milwakee ha dichiarato la bancarotta della diocesi. Un espediente per evitare di pagare indennizzi alle vittime dei preti pedofili adottato anche da altre sette diocesi degli Stati Uniti.
Insomma, il «team Usa» non si presenta al Conclave nella luce migliore. Tra i suoi undici cardinali (quasi il 10 per cento del sacro collegio), ce n'è anche un terzo, l'ex arcivescovo di Filadelfia Justin Rigali, che arriva a Roma inseguito dall'ombra dello scandalo: formalmente ha lasciato l'incarico per motivi di età, ma secondo molti è stato «dimissionato» per aver ignorato le responsabilità di 37 preti pedofili. Né il suo caso, né, tantomeno, quello di Dolan, sono, comunque, lontanamente paragonabili allo scandalo Mahony il cui comportamento è stato pubblicamente condannato anche dal suo successore, l'attuale arcivescovo di Los Angeles Josè Gomez.

Il peso sul Conclave dello scandalo pedofilia
I casi in Irlanda e Usa 



Ti piace?

giovedì 21 febbraio 2013

Dominique metà uomo, metà maiale


Un essere «metà uomo metà maiale», meschino, volgare, spinto dalle pulsioni più basse, diventato il «cagnolino» di una moglie ambiziosa, ossessionata dal sogno di diventare la premiere dame di Francia. Se fosse stato eletto presidente avrebbe trasformato l’Eliseo in un «club scambista»

Marcela Iacub è giurista e giornalista (cura una rubrica settimanale su Liberation), ma è da ex amante che traccia questo ritratto, al vetriolo, di Dominique Strauss-Kahn. È l’autrice di Belle et Bete (Bella e stupida), il libro choc che non risparmia nulla all’ex ministro e che uscirà in Francia la prossima settimana, ma di cui già oggi il settimanale Le Nouvel Observateur ha pubblicato alcuni passaggi piccanti.  

L’ira dell’ex direttore del FMI, già trascinato nel fango da scandali sessuali tra Parigi e New York, si è scatenata del resto contro il settimanale: «Questa operazione mi dà la nausea», ha scritto DSK in una lettera a Jean Daniel, il fondatore dello storico giornale della sinistra francese, promettendo un’azione in giustizia. «La parte creativa, artistica, quanto c’è di più bello in lui, appartiene al maiale», insiste la scrittrice, abusando un po’ di questo termine, che per lei non ha nessun senso spregiativo. «Eri vecchio, grasso, basso e brutto - continua -. Eri maschilista e volgare, insensibile e meschino. Eri egoista, brutale e privo di ogni cultura, ma ero pazza di te». 

La Iacub racconta la relazione di sette mesi vissuta con DSK, tra fiction e realtà, anche entrando nei dettagli (ma sulle scene di sesso ammette di aver usato l’immaginazione). I due si sono incontrati nel gennaio 2012. Era dopo lo scandalo di New York e le accuse di stupro da parte di una cameriera dell’hotel Sofitel, scandalo che ha messo fine alla carriera del potente uomo politico. All’epoca Marcela Iacub, brillante giurista di 48 anni, origini argentine e occhi nocciola (a 21 anni fu il più giovane avvocato del tribunale di Buenos Aires), aveva scritto un libro controverso, in cui prendeva le difese di DSK e criticava quel femminismo moralista che lo aveva condannato senza appello. Il libro aveva sollevato un polverone, ma DSK lo aveva apprezzato e le aveva chiesto un incontro. L’autrice era rimasta affascinata da lui, «un porco cattivo» trasformato in «cagnolino» dalla moglie ambiziosa.  

Secondo la giurista, lei lo spingeva a rincorrere l’Eliseo e lo incatenava a sé con il suo denaro: «Non potevi neanche immaginare di lasciarla - scrive - era impossibile rinunciare a quella vita di lusso». Contro la Sinclair, che ha poi lasciato il marito, invischiato anche in un giro di escort a Lille, Iacub usa parole crude: «È convinta che lei e il marito appartengono alla casta dei padroni del mondo». Altrettanto dura la replica dell’ex signora Strauss-Khan: Marcela Iacub «è una donna perversa e disonestà».  

Il libro choc della ex di Strauss-Kahn: “Dominique metà uomo, metà maiale” 21/02/2013



Ti piace?

Gli stupri nell’esercito Usa


Dal momento in cui Kimberly ha deciso di parlare, tutto «è andato molto peggio». Indossa la divisa dell’Aviazione americana e conta i giorni che la separano dalla pensione, quando dopo ventidue anni di servizio e undici di inferno, potrà, forse, tornare a vivere. Una sera di gennaio del 2001, è stata violentata dal responsabile della sua squadriglia, ma per paura delle conseguenze ha resistito otto anni prima di fare rapporto al proprio comandante. «Era una donna, e mi ha fissato con uno sguardo vuoto, come se stessi solo aggiungendo altri problemi al suo lavoro», racconta. Dopo la denuncia fatta nel 2009 per lei ci sono stati solo umiliazione e isolamento. «Il comando ha fatto di tutto per insabbiare la questione, mi hanno trattato come se fossi pazza e bugiarda. Hanno creduto al mio aggressore e gli hanno permesso di andare in pensione con tutti i benefici, mentre io ho perso il mio lavoro e la dignità».
C’è un’epidemia di abusi che da decenni dilaga all’interno delle forze armate americane. 
Secondo i dati del Dipartimento della Difesa, nel 2011 le denunce per casi di violenza sono state 3.192, l’un per cento in più dell’anno precedente e solo la punta di un iceberg immenso. Il Dipartimento stima che l’86% delle vittime scelga il silenzio e un sondaggio condotto dal Pentagono ha rivelato che nel 2010 il numero reale di aggressioni ha superato i 19 mila casi. In proporzione la maggior parte delle vittime sono donne, ma in numeri assoluti i più colpiti sono gli uomini. Marina, Aviazione, Esercito, ogni corpo militare ha avuto il suo scandalo importante, e nel giugno del 2011 la denuncia per stupro fatta da una recluta dell’Aviazione della base di Lackland, Texas, ha dato il via a un’indagine non ancora conclusa che a fine gennaio contava 59 vittime e 32 istruttori accusati di violenze o molestie. E se gli abusi traumatizzano provocando senso di isolamento, è la cultura dell’impunità a rappresentare il cuore del problema. Nel 2011 solo 240 indagini sono sfociate in un processo, e le condanne sono state 191. Ogni corpo gestisce i propri casi dall’interno e spesso chi deve svolgere le indagini è troppo vicino agli aggressori, o, a volte, è l’aggressore stesso. I comandanti in genere preferiscono adottare azioni disciplinari per evitare di portare gli accusati davanti alla corte marziale, e il risultato è un paradosso di vittime costrette a dimostrare di essere innocenti e assalitori sempre più convinti che nelle forze armate sia possibile abusare senza dover rispondere delle proprie azioni.
Il Service Women’s Action Network (SWAN) (http://servicewomen.org/) è l’organizzazione nata per offrire aiuto alle donne che hanno subito violenza mentre servivano all’interno di un corpo militare e lo scorso maggio ha riunito in un hotel di Washington 250 veterane per il primo “Truth and Justice Summit”, un incontro nazionale in cui condividere esperienze e discutere delle strategie per continuare a chiedere giustizia. Tra loro c’erano anche Kori Cioca e Ariana Klay, due delle protagoniste di The Invisible War, il documentario premiato dal pubblico del Sundance con cui il regista Kirby Dick ha raccontato la guerra invisibile che nelle forze armate colpisce una donna su cinque. Ma la violenza sessuale non è una questione di genere e i veterani invitati al summit hanno applaudito con forza quando uno di loro ha descritto il senso di vergogna che lo ha accompagnato per anni dopo l’aggressione e la mancanza di assistenza sanitaria o psicologica da parte della Difesa. Le donne e gli uomini che Kirby Dick ha incontrato per il film sono persone che hanno dovuto reimparare a vivere, affette da disturbo post-traumatico da stress e con un forte senso di solitudine. «Molti di loro hanno vissuto le interviste come un’esperienza positiva perché per la prima volta qualcuno ha creduto alle loro storie», afferma il regista. A Washington quel giorno c’erano anche deputati e senatori che da anni lottano perché il Pentagono applichi la “tolleranza zero” di cui nella realtà non c’è traccia, e parlando alla platea l’allora senatore del Massachusetts e oggi neo segretario di Stato americano, John Kerry, ha affermato che «le Camere devono lavorare assieme al Pentagono per fare ciò che è giusto» e che «nessuno dovrebbe essere vittimizzato una seconda volta dalla mancanza di assistenza e di giustizia».
Nell’ultimo anno però qualcosa si è sbloccato. Il 13 febbraio è stato proposto il Ruth Moore Act, una legge che potrebbe aiutare le vittime a dimostrare la connessione fra le violenze e l’insorgere di disturbi psicologici, che prende il nome dalla ex marine, stuprata a 18 anni da un supervisore, che ha lottato per oltre vent’anni per ottenere giustizia. Greg Jacob, il responsabile strategico di SWAN, ha definito il testo «un sforzo potente per correggere un sistema guasto», e ha avuto parole positive anche a gennaio, quando il segretario alla Difesa uscente, Leon Panetta, ha annunciato che le soldatesse verranno ammesse in combattimento. Secondo Jacob eliminare le politiche di esclusione provocherà un cambiamento abissale nella cultura dell’esercito, e una maggiore parità tra i sessi contribuirà a ridurre le violenze. Ma il primo vero gesto dirompente per cambiare lo status quo il Pentagono l’ha fatto nell’aprile del 2012. Abc ha scritto che la decisione di Leon Panetta è arrivata dopo aver visto The Invisible War e Dick afferma «che il Segretario e il suo staff sono rimasti molto colpiti dal documentario», ma qualunque sia stato il movente Panetta ha smosso le acque annunciando nuove misure contro l’emergenza abusi, dall’affido dei casi a ufficiali di grado più alto per evitare parzialità nei giudizi, fino alla creazione di unità speciali per la raccolta delle denunce. Anu Bhagwati, ex capitano della Marina e direttore esecutivo di SWAN, allora l’ha definito «un passo enorme, il più importante fatto fino ad ora dalla Difesa», ma Rachel Natelson, direttore del ramo legale di SWAN ricorda che «l’ideale per noi resta l’istituzione di veri e propri uffici penali per sottrarre la gestione dei casi alla catena di comando militare».

L’infinito scandalo degli stupri nell’esercito Usa 21 febbraio 2013



Ti piace?

The rape surgeon of DR Congo


Denis Mukwege is a gynaecologist working in the Democratic Republic of Congo. He and his colleagues have treated about 30,000 rape victims, developing great expertise in the treatment of serious sexual injuries. His story includes disturbing accounts of rape as a weapon of war.

When war broke out, 35 patients in my hospital in Lemera in eastern DR Congo were killed in their beds.
I fled to Bukavu, 100km (60 miles) to the north, and started a hospital made from tents. I built a maternity ward with an operating theatre. In 1998, everything was destroyed again. So, I started all over again in 1999.
It was that year that our first rape victim was brought into the hospital. After being raped, bullets had been fired into her genitals and thighs.
I thought that was a barbaric act of war, but the real shock came three months later. Forty-five women came to us with the same story, they were all saying: "People came into my village and raped me, tortured me."
Other women came to us with burns. They said that after they had been raped chemicals had been poured on their genitals.
I started to ask myself what was going on. These weren't just violent acts of war, but part of a strategy. You had situations where multiple people were raped at the same time, publicly - a whole village might be raped during the night. In doing this, they hurt not just the victims but the whole community, which they force to watch.
The result of this strategy is that people are forced to flee their villages, abandon their fields, their resources, everything. It's very effective.
We have a staged system of care for victims. Before I undertake a big operation we start with a psychological examination. I need to know if they have enough resilience to withstand surgery.
Then we move to the next stage, which might consist of an operation or just medical care. And the following stage is socio-economic care - most of these patients arrive with nothing, no clothes even.
We have to feed them, we have to take care of them. After we discharge them they will be vulnerable again if they're not able to sustain their own lives. So we have to assist them on socio-economical level - for example through helping women develop new skills and putting girls back in school.
The fourth stage is to assist them on a legal level. Often the patients know who their assailants were and we have lawyers who help them bring their cases to court.
In 2011, we witnessed a fall in the number of cases. We thought perhaps we were approaching the end of the terrible situation for women in the Congo. But since last year, when the war resumed, cases have increased again. It's a phenomenon which is linked entirely to the war situation.
The conflict in DR Congo is not between groups of religious fanatics. Nor is it a conflict between states. This is a conflict caused by economic interests - and it is being waged by destroying Congolese women.
When I was coming home after a trip outside the country I found five people waiting for me. Four of them had AK-47 guns, the fifth had a pistol.
They opened the gate and got in my car, pointing their weapons at me. They got me out of my car and as one of my guards tried to rescue me they shot him down. He was killed.
I fell down and the attackers continued firing bullets. I can't really tell you how I survived.
Then they left in my car without taking anything else.
I found out afterwards that my two daughters and their cousin were at home. They had been made to go into the living room where the attackers were sitting, waiting for me. During all that time they pointed their guns, their weapons at my daughters. It was terrible.
I only saw the attackers for just a few seconds and I couldn't tell who these people were. I also can't say why they attacked me - only they know.
After the attack, Dr Mukwege fled with his family to Sweden, then to Brussels, but he was persuaded to return to Congo last month.
I was inspired to return by the determination of Congolese women to fight these atrocities.
These women have taken the courage to protest about my attack to the authorities. They even grouped together to pay for my ticket home - these are women who do not have anything, they live on less than a dollar a day.
After that gesture, I couldn't really say no. And also, I am myself determined to help fight these atrocities, this violence.
My life has had to change, since returning. I now live at the hospital and I take a number of security precautions, so I have lost some of my freedom.
When I was welcomed back by the women, they told me they would ensure my security by taking turns to guard me, with groups of 20 women volunteering in shifts, day and night.
They don't have any weapons - they don't have anything.
But it is a form of security to feel so close to the people you are working with. Their enthusiasm gives me the confidence to continue my work as usual.


Denis Mukwege: The rape surgeon of DR Congo 19 February 2013




Ti piace?

La tratta delle schiave del sesso


Il negozio me lo indica con un cenno mentre ci passiamo davanti. Il quartiere è quello della Maddalena, decantato da De André. Dietro la vetrina, una ragazza nigeriana parla con una coetanea. "E' una Maman" mi spiega "una sorta di maitresse. E questo negozio è stato aperto grazie alla collaborazione di un italiano cui poi hanno regalato una ragazza per riconoscenza. In generale, tutti i negozi di parrucchiere o di cosmetici sono di copertura, servono a mascherare il traffico di ragazze". Ad accompagnarmi in giro per Genova è Claudio Magnabosco, fondatore dell'associazione "Le ragazze di Benin City" e marito di Isoke Aikpitanyi, una ragazza nigeriana vittima di tratta, ridotta in coma quando nel Duemila decise di sottrarsi ai suoi aguzzini. La raggiunsero in un parco a Torino quando era appena fuggita, la circondarono in tre e la picchiarono selvaggiamente finché una signora, attirata dalle urla, non chiamò la polizia. Isoke rimase in coma per tre giorni e le dovettero ricostruire l'arcata sopraccigliare.

L'operazione antitratta. Quello della tratta di esseri umani è un fenomeno di cui non si parla quasi più, come hanno denunciato anche i responsabili di Caritas Immigrazione durante il coordinamento della scorsa settimana: un traffico semiscomparso dalle cronache nostrane. Eppure proprio a gennaio una maxi operazione ha portato a ben 55 arresti, smantellando una rete internazionale che dall'Africa portava migranti in Italia. In manette è finito addirittura un mediatore culturale dell'Ambasciata italiana a Nairobi. Roba da prima pagina. E invece niente. E anche il giro d'affari era di tutto rispetto: circa 25 milioni di euro e proveniva dalla contraffazione dei documenti, dai proventi dei viaggi e dal vero e proprio commercio di persone.

Questione di Pil. In Nigeria, mi spiega Claudio, la tratta di esseri umani copre una percentuale del Prodotto interno lordo nazionale ed è gestita ad altissimi livelli. "Persone vicine alle istituzioni, molto potenti, che non si sporcano direttamente le mani ma gestiscono nell'ombra". E Claudio racconta la vicenda di Isoke: quando la ragazza chiamò i genitori sperando che potessero aiutarla, il padre, un funzionario del Tribunale, dopo qualche giorno le fece sapere che non avrebbe potuto far nulla: le coperture erano troppo potenti. "Si parlava, all'epoca, della moglie del governatore dell'Edo State, ma non ci sono prove". 



La prostituzione per fasce orarie. Per tre giorni Claudio mi accompagna a conoscere i vicoli su cui si svolge il traffico delle ragazze dall'Africa e dal Sud America, mi indica gli appartamenti in cui si consumano gli appuntamenti, molti facilmente individuabili da una luce rossa appesa sopra l'ingresso. E non siamo ad Amsterdam ma in vicolo Untoria: "Molte ragazze" racconta "aspettano l'ora della pausa pranzo degli impiegati. La prostituzione, qui come in molte altre città, avviene per fasce orarie. Di mattina trovi le italiane, di pomeriggio le latinoamericane e la sera le nigeriane". Qualche ragazza di origine africana, però, la si incrocia anche di giorno. Aspettano, all'angolo con vicolo dei Droghieri o in vico della Scienza. Un dedalo di viuzze in cui si consuma la prostituzione genovese. Il quartiere della Maddalena, proprio dietro via del Campo.

Le ragazze "girano". "Spesso" prosegue Claudio "le ragazze vengono trasferite. Le Maman le distribuiscono in base alle città, alle esigenze e ai gusti dei clienti. Molte di loro arrivano da Londra e a seconda del miglior offerente vengono smistate in Spagna, Francia, Olanda o Italia. I trafficanti di recente hanno iniziato a farle passare dalla Svezia e dai Paesi scandinavi, dove c'è una percezione minore del problema della tratta di esseri umani". E proprio a Londra, prosegue "Isoke racconta di una busta sostanziosa consegnata alle guardie di frontiera per far passare sette ragazze, evitando qualsiasi controllo". Mentre camminiamo per le vie, una porta di un appartamento al pian terreno si apre, una ragazza lancia verso l'esterno uno sguardo circospetto, ci studia. L'interno è ordinato: un letto, luce soffusa, alcune candele. Passiamo oltre.

La struttura è gerarchica. Al vertice del traffico, personalità nigeriane di alto livello agevolano la tratta e offrono copertura. Subito sotto, le cosìddette Confraternite: gruppi violenti di ragazzi che coadiuvano le Maman nella "gestione" delle donne. Originariamente nate come gruppi universitari di studenti in Nigeria, le Confraternite sono divenute vere e proprie associazioni a delinquere, presenti in molte città italiane ed europee e riconoscibili per il copricapo o per alcuni vestiti con colori e simboli ben precisi, con un machete stampigliato su. 

Secondo il racconto di Isoke, alcune confraternite sono arrivate addirittura a cercare di gestire i funerali delle ragazze uccise, reclamandone la salma. E poi ci sono le ritorsioni, le aggressioni. Un ragazzo che si rifiutò di sottostare agli ordini della confraternita, alcuni anni fa rischiò l'evirazione a colpi di machete. 

Elemento di raccordo tra le Confraternite e le Maman sono le cosidette Londonie, una sorta di esattore - quasi sempre donna - che girano l'Europa per raccogliere il denaro guadagnato dalle Maman. Il sistema, da quello che racconta Isoke, non prevede una "Londonia" per ogni territorio, come si potrebbe credere. Sono le diverse Maman a raggiungere l'esattore quando arriva in Italia. "La Londonia" aggiunge Claudio "è una signora di alta levatura: se deve far finta di essere un ingegnere, nella realtà è ingegnere, con oggettivi motivi per spostarsi nei diversi Paesi in cui va. Ma può essere anche un diplomatico o un funzionario".

Le chiese finte e i pastori conniventi. Strumenti di controllo e raccordo del traffico sono i finti pastori delle chiese pentecostali che si offrono come confidenti delle giovani vittime di tratta ma in realtà collaborano con le Maman che le gestiscono. E una buona parte del condizionamento psicologico lo esercitano i riti wodoo: veri e propri sortilegi funzionali a condizionare la vita delle ragazze. Un sacerdote mette insieme un fagottino con capelli, unghie e sangue della donna, promettendo di restituirlo solo una volta pagato il riscatto. Dalla Nigeria, infatti, si parte con un debito da saldare e una falsa promessa di lavoro in Europa. Ma ci si ritrova in strada. 

Il sistema delle Confraternite. "E' importante" prosegue Claudio "anche il linguaggio della tratta: la Maman è tecnicamente la "mamma", poi ci sono le altre ragazze che sono le "sisters", le sorelle, e i ragazzi che vengono chiamati i "brothers", fratelli. Rompere legami e condizionamenti così forti per ragazze semplici e spesso senza istruzione, provenienti dai villaggi, è difficile". E nel caso in cui qualcuna di loro tentasse di fuggire, interverrebbero i "butchers", i macellai, in forza alla Confraternita. Le confraternite più tristemente note sono quelle dei Black Axe, dei Black Eye, Vikings, Bucaneers, Mafia, Black Beret, molte delle quali operano sul territorio italiano in perfetta sincronia con le mafie italiane e straniere, in una pax mafiosa che permette di gestire traffici e ragazze. 

"Le questioni relative alla tratta - spiega Isoke - vengono sempre gestite sottobanco, non si spara, anche perché la tratta di donne (ove non di bambini) è contro il codice tradizionale delle mafie italiane e quindi non deve in alcun modo emergere che 'Ndrangheta, Camorra o Cosa Nostra si occupano, anche in modo indiretto, di questo tipo di commerci". Certo è impensabile che traffici di questo tipo possano avvenire sul territorio italiano senza che la criminalità organizzata "nostrana" ne sappia niente.

Un traffico quotidiano, silenzioso, con scambi di "merce umana" pagata in contanti, picchiatori prezzolati e città e clienti indifferenti.



Prostitute? No, sono schiave 20 febbraio 2013



Ti piace?

mercoledì 20 febbraio 2013

India, tre sorelline stuprate e gettate in un pozzo


Tanuja Borkar aveva solo undici anni. Le sue sorelline Prachi e Priya ne avevano rispettivamente nove e sei. Sono morte, tutte e tre, assassinate e gettate in un pozzo dopo essere state violentate. Si tratta dell’ennesimo fatto di inaudita violenza che ha colpito, ancora una volta, le donne indiane.
GETTATE IN UN POZZO - La notizia è riportata da India Express: le tre sorelline erano scomparse il giorno di San Valentino dal loro villaggio di Murmadi, nello stato del Maharashtra (India centro-occidentale). Tornavano da scuola, ma a casa non sono mai arrivate. Due giorni dopo le ciabattine delle bimbe i loro zainetti con i libri di scuola sono stati ritrovati accanto a un pozzo di una fattoria. Loro tre erano dentro al pozzo, morte. L’autopsia ha rivelato che tutte e tre sono state stuprate prima di essere assassinate. La polizia indiana ha fermato due sospetti.


“UNA PERSONA DI FIDUCIA” – Aarti Singh, capo della polizia del distretto di Bhandara ha escluso l’ipotesi, sollevata dagli altri abitanti del villaggio, che questo orrendo delitto possa essersi consumato in seguito a una faida tra famiglie. Le tre sorelline, infatti, sono orfane di padre e nessuno dei loro parenti ha parlato di inimicizie. Gli inquirenti, comunque, sospettano che ad attirare in trappola le tre bambine sia stato qualcuno che loro conoscevano molto bene.
PROTESTE - Il fatto ha scatenato la rabbia degli abitanti del villaggio e domenica, all’indomani del ritrovamento dei tre corpicini, una folla inferocita ha bloccato l’autostrada che passa vicino al villaggio, protestando contro le forze dell’ordine che non sono state in grado di salvare le tre bambine. Nel 2006 un altro fatto di sangue, accaduto sempre nel distretto di Bhandara, aveva scatenato le proteste dell’intera India: quattro membri della famiglia Dalit Bhotmange erano stati torturati e assassinati non lontano dal villaggio delle tre sorelline. 

Le tre sorelline stuprate e gettate in un pozzo 20/02/2013



Ti piace?

lunedì 18 febbraio 2013

Il cardinale che difendeva i pedofili sceglierà il Papa


Il prossimo Papa sarà eletto anche con il voto di cardinali dal passato discutibile o controverso, ma nessuno come quello di Roger Mahony. “I peccati del cardinale Mahony“. Cosi’ s’intitola il durissimo editoriale del Washington Post che si scaglia oggi contro l’ex arcivescovo di Los Angeles che sara’ uno degli undici cardinali americani a partecipare al conclave per la scelta del prossimo Papa, malgrado il suo ruolo nell’insabbiare lo scandalo dei preti pedofili.

Roger Mahony “è fortunato a non essere in carcere”, scrive il quotidiano, che ricorda come il nuovo arcivescovo di Los Angeles, Josè Gomez, abbia recentemente vietato al cardinale ogni impegno pubblico. Tuttavia rimane sempre cardinale, prosegue il Post, che parla di “cultura dell’impunità della Chiesa cattolica”.
MESSO DA PARTE - La decisione senza precedenti dell’arcivescovo Gomez sulle attività pubbliche di Mahony è giunta il 31 gennaio. Lo stesso giorno l’arcidiocesi ha pubblicato sul sito decine di migliaia di pagine di files personali relativi a 122 sacerdoti accusati di aver molestato bambini. Gli atti evidenziano anche il ruolo di Mahony, arcivescovo di Los Angeles fra il 1985 e il 2011, nel coprire lo scandalo. “Questi file sono una lettura brutale e dolorosa. Il comportamento descritto è terribilmente triste e malvagio”, aveva scritto allora l’arcivescovo Gomez.
CHIESA RECIDIVA - Il Washington Post ricorda inoltre come, a dispetto della messa da parte da Mahony, appena la settimana scorsa gli avvocati della chiesa abbiano cercato di mantenere segreti i nomi degli ufficiali e dei sacerdoti implicati in casi d’abuso sui minori.
LE NUOVE RIVELAZIONI - Un tentativo respinto dai giudici, che hanno così per,esso la pubblicazione di circa  14,000 pagine, tra le quali alcune note scambiate tra Mahony e il suo braccio destro che dimostrano come i due abbiano ripetutamente trasferito sacerdoti al di fuori dello stato o del paese per sottrarli agli interrogatori e alle attenzioni delle autorità inquirenti. Lo stesso cardinale si raccomandava di non mandare i sacerdoti in terapia perché i medici potrebbero essere costretti legalmente a riferire dei loro crimini.
LE RIDICOLE SCUSE - Mahony per parte sua si è sempre giustificato dicendo che nel corso della sua formazione niente lo ha mai istruito o allarmato in merito al rischi correlati agli abusi sessuali sui minori. Il Post giustamente si chiede che ne sia stato del suo senso comune, del suo rispetto per la legge e della sua comprensione elementare degli esseri umani, tutte qualità che Mahony evidentemente non possiede, visto che una sola di questa gli avrebbe impedito di comportarsi da complice in un numero tanto elevato d’orribili delitti.

Il cardinale che difendeva i pedofili e sceglierà il Papa 14/02/2013



Ti piace?

L'Islanda mette al bando il porno online


 È il paese dei geyser, dei vulcani, dei vichinghi. È anche il Paese più egualitario del mondo nei rapporti tra uomini e donne, uno dei più liberi sessualmente, l'unico del pianeta con un primo ministro apertamente lesbica. 

Potrebbe essere l'unico stato del globo "porn free", senza pornografia su Internet. Dopo che una consultazione nazionale ha dato un responso largamente positivo, il governo di Reykjavik ha avviato un'indagine per decidere come si potrebbe imporre un divieto d'accesso ai siti porno su tutta l'isola. "Siamo una società liberale e progressista in materia di nudità e di rapporti sessuali", dice Halla Gunnarsdottir, consigliere del ministero degli Interni, che sta seguendo il progetto. "Il nostro approccio al problema non è anti-sesso, bensì anti-violenza. Non è questione di libertà di parola, bensì di danni all'infanzia. Le statistiche indicano che in media un bambino vede pornografia su Internet a 11 anni di età e questo ci preoccupa, così come ci preoccupa la natura sempre più degradante e brutale di quello a cui sono esposti. Non stiamo parlando di censurare l'informazione, ma qualcosa dobbiamo fare".

Un bando al porno online sarebbe in un certo senso l'evoluzione di leggi che l'Islanda ha già approvato, come quella sul divieto di stampare e distribuire pubblicazioni pornografiche, quella sulla chiusura di night-club e topless bar e come le norme sulla prostituzione che criminalizzano il cliente anziché la prostituta. Ma vietare l'accesso ai siti pornografici pone problemi tecnici ed etici non semplici da risolvere. Tra le proposte finora circolate c'è l'introduzione di filtri, il blocco di determinati indirizzi digitali e l'iscrizione a reato dei pagamenti con carta di credito per accedere a siti o canali porno. L'iniziativa mira a restringere la definizione di pornografia, in modo da non includere tutto il materiale esplicito ma solo quello che può essere descritto come attività sessuali violente o degradanti. Il punto è: chi decide cosa è porno e cosa non lo è, cosa è da vietare e cosa si può permettere? Gli oppositori di simili misure affermano che si finirebbe per creare automaticamente un censore e questo alla lunga diventerebbe una limitazione della libertà. 

Non tutti gli esperti concordano che la pornografia è dannosa. Uno studio del 2009 dell'università di Montreal ha riscontrato che l'esposizione al porno non cambia la percezione delle donne da parte degli uomini. Altri, come il professor Tim Jones della Worcester University, osservano che il porno su Internet diffonde "fantasie estreme" e c'è il pericolo che spinga i consumatori a ricrearle nella vita reale. Ci sono rapporti che parlano di una crescente dipendenza dal porno, da quando dilaga sul web. E non c'è dubbio che sia uno dei temi più popolari fra gli internauti: il 25 per cento di tutte le ricerche fatte su Google hanno a che fare con la pornografia, "sesso" è la parola più cliccata online, il 20 per cento dei siti sono pornografici

"Non è che chi guarda il porno su Internet poi esce e commette uno stupro", commenta Gail Dines, docente di sociologia al Wheelock College e autrice di "Pornland: how porn has hijacked our sexuality" (Pornoland: come il porno ha dirottato la nostra sessualità). "Ma cambia il modo in cui la gente pensa all'intimità, al sesso, alle donne. E un sacco di gente non ha idea di che cosa sia veramente il porno sul web. Se un ragazzino 12nne clicca porno su Google, non trova immagini di donne nude dalla rivista Playboy, bensì filmati estremamente hard in grado di traumatizzarlo nell'età della pubertà".

I critici dell'iniziativa sostengono che un bando è comunque irrealizzabile. Alcuni, come Smari McCharthy, presidente dell'International Modern Media Initiative, dicono che è un'idea "fascista e folle". Ma il governo della piccola Islanda, in questo Paese di appena mezzo milione di abitanti, non desiste: "Siamo progressisti, siamo democratici, crediamo nell'eguaglianza tra i sessi e siamo pronti a essere più radicali di altri". Se comincerà Reykjavik, altri paesi potrebbero seguire il suo esempio, a cominciare, predice l'Observer di Londra, dalla Gran Bretagna. I vichinghi, come sempre nella loro storia, non hanno paura a cercare nuove rotte.

L'Islanda si scopre moralista:messo al bando il porno online 18 febbraio 2013



Ti piace?

sabato 16 febbraio 2013

India, bimba di 6 anni violentata e abbandonata in strada


Ultimo, ennesimo caso di violenza sessuale ai danni di una bambina che avviene in India. La piccola vittima, stavolta, ha 6 anni e, dopo lo stupro, è stata abbandonata in strada a New Delhisecondo quanto riferito da un alto funzionario della polizia. Originaria della città di Gurgaon, la piccola è stata trovata da un motociclista in strada coperta di sangue mentre piangeva. Il motociclista ha poi immediatamente allertato la polizia.


Come riferito dal funzionario, che ha anche aggiunto che la piccola è stata abbandonata a New Delhi probabilmente per depistare le indagini: “La vittima è stata immediatamente portata in un ospedale vicino ed i dottori si sono occupati di lei. Ora è fuori pericolo e gli esami medici hanno confermato lo stupro. Abbiamo avviato una caccia all’uomo per rintracciare i responsabili di questo atto brutale”.

Bimba di 6 anni violentata e abbandonata in strada: caccia all’uomo 15 febbraio 2013



Ti piace?

domenica 10 febbraio 2013

Porno Twitter


I video-tweet sono intasati di porno e Vine diventa "vietato ai minori". 


E' polemica dopo il lancio dell'app acquistata da Twitter che permette di pubblicare con pochi 'tap' dal proprio smartphone filmati di 6 secondi. Apple e' dovuta correre ai ripari e ha riservato l'applicazione a un pubblico adulto, classificando Vine come app con "frequente/intenso contenuto sessuale o nudita'". "Vine - Make a scene contiene materiale vietato ai minori. Clicca su Ok per confermare che hai piu' di 17 anni" e' la scritta che appare quando si prova a scaricare l'applicazione. 


Twitter ha acquistato Vine a ottobre per permettere agli utenti di pubblicare video-tweet. Per ore l'app e' disponibile solo per iPhone e sono esclusi gli smartphone Android. I programmatori dell'app, nell'ultima versione, hanno aggiunto la possibilita' di bloccare gli autori di contenuti hard e di segnalare video ritenuti offensivi. Ma Vine resta piena di micro-filmati.

Boom di porno nei video-tweet, e Vine diventa vietati ai minori 10 FEB 2013



Ti piace?

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...