Post in evidenza

Hot Girls Wanted: Turned On

In 2015, the words "Netflix" and "Porn" went hand in hand for the  documentary film  Hot Girls Wanted , The extr...

venerdì 31 maggio 2013

Contro il femminicidio in India vietati nei negozi manichini in intimo

In India ogni venti minuti viene violentata una donna, secondo i dati dell'Ufficio criminale nazionale (National Crime Records Bureau) che registra anche, al marzo 2013, 24mila casi di violenze sessuali davanti ai tribunali indiani.

Con una proposta che vorrebbe a ridurre questa drammatica tendenza, soprattutto a Mumbai (Bombay), la città che dopo Nuova Delhi registra il numero più alto di stupri, un'associazione, la Brihanmumbai Municipal Corporation (BMC) ha chiesto di introdurre un divieto di esporre manichini in abiti succinti nelle vetrine dei negozi. Se approvata, la proposta della consigliera Ritu Tawade - riporta il sito online di Al Jazeera - attribuirà alle autorità cittadine il potere di costringere i negozianti a rivestire i manichini.

"I manichini di biancheria intima alimentano gli stupri e possono deviare le menti dei giovani", ha affermato Tawade in un'intervista alla televisione indiana NDTV news channel. "Dopo i casi di stupro a Delhi, sentivo la necessità di fare qualcosa". La proposta proibisce "la rappresentazione indecente delle donne" attraverso pubblicità o sulle riviste, pittura o in qualsiasi altro luogo, per proteggere la "morale pubblica".

La capitale commerciale indiana, che ospita tra l'altro anche gli studi cinematografici di Bollywood, non accoglierà facilmente questa iniziativa, il cui sapore retrogrado è già stato contestato su Twitter da politici e giornalisti: "Non mi sono mai eccitato vedendo un manichino, forse non è così per i consiglieri della Bmc", ha scritto l'ex giornalista Pritish Nandy .

Mumbai ha registrato una media annuale di 183 stupri nel decennio tra il 2002 e il 2012. L'anno scorso i casi registrati sono stati 221, di cui il 39% su minori.

Contro il femminicidio in India vietati nei negozi manichini in intimo 30 mag 2013


Ti piace?

giovedì 30 maggio 2013

35,000 Child Prostitutes in Bangladesh

Amader Kotha, a site dedicated to women's issues in Bangladesh reports that at least 35,000 children are being exploited sexually on a commercial basis in the country. More than half of them live in the official red light districts of the country and are often forced to enter the profession that their mothers have been in.

35,000 Child Prostitutes in Bangladesh 29 May 2013

TThe sexual exploitation of children in Bangladesh is a widespread problem. To start of with Bangladesh is a densely populated country with nearly 40 per cent of the dwellers living below the poverty line. While there are few reliable stats that deal with the sexual exploitation of children, it is estimated that at least 35,000 children are exploited sexually on a commercial basis. Twice that number of Bangladeshi children is involved in prostitution in Pakistan and a similar figure is seen in India as well.

Statistics show that majority of the Bangladeshi children who are compelled to get into prostitution are based in brothels. According to a Unicef research there are more than 20,000 children who live in the official red light districts of the country and are often forced to enter the profession that their mothers have been in. The boys on the other hand, often become pimps and contribute in their own way.

Human Rights Watch reports that girls involved in child labour, such as working in factories and as domestic workers are more vulnerable to rape and sexual exploitationas they lack adequate adult protection. While they may flee to escape such abuse, often they find that prostitution is the only option open to them for survival. Once in prostitution, girls are further marginalised, making it all the more difficult to extricate themselves from such exploitation.

The report also suggests that sexual exploitation of children is also rampant among street children. Another factor that helps promote sexual exploitation is the prevalent dowry system in Bangladesh. A number of poor families are often unable to fulfil the dowry demands placed on them by the groom’s family. As a result of which, the groom’s family often end up torturing the girl on a daily basis. This leads to severe mental trauma for the girl. It eventually leads to the girl fleeing. However, she moves from one trap to another. Running away, she can only look at prostitution as a saving grace in terms of finance.

One report also suggests that once girls are married, their husbands are forced to engage in sexual activities for financial purposes, in the markets, railway stations, bridges and various other desolate places.  According to the report, “Some pimps use city hotels or rented private flats in certain parts of the city for sexual exploitation. Men involved in small businesses such as operators/vendors (36%), beggars and day labourers (17.2%), as well as the police and security guards (9.6%), were among the largest groups of sexual exploiters of street children.”

The report also stated that the key factors that drove children into situations of exploitation were poverty, hunger, the need to earn money, sexual abuse by employers, family members or other men and the threat and force by pimps and others in their environment.
While majority of the sexual crimes in Bangladesh are committed against girls, boys too become victims to a certain degree. And their plight, more often than not ends up going unnoticed. Various stats indicate that young boys living on the street, migrant boys and boys working as child labourers are especially vulnerable to sexual exploitation.

According to the Global Monitoring Report in 2006, the average age of entry into prostitution was around 12 years old, with many boys having been sexually exploited at a much younger age, some nearly as 8 years old.

Once trapped, they are made to continue through various forms of coercion, such as torture and threats of going public about their prostitution. 50 per cent of the boys, according to the study, stated that the adjustment of having sex with men gradually killed their motivation to escape.  It also stated that mental trauma, low self-esteem and fear of stigmatisation were strong features of the experience of boys in the study.

According to a study by Ain O Salish Kandra, Thirty-four per cent of the children had 3 to 8 customers a day. Almost 70 per cent of them suffered from sexually transmitted infections (STIs) and others had skin diseases, pain and infection of the sexual organs and symptoms of malnutrition and pregnancy.

Mentally they suffered from frustration, anger, dejection and a host of other strong feelings. Girls too, reportedly suffered from low self-esteem with more frequency than boys. Many children also induced suicidal tendencies in them.

While governmental agencies and non-governmental agencies have set up programmes to counter these problems, there is still a long way to go before a decisive change can be made. The stats speak for themselves. As Bangladesh approaches the midway of 2013, on its path to becoming a developing nation, it is for us to see as the extent of decisive changes that can be made over the upcoming years.



Ti piace?

La pornografia online distrugge la sessualità

In crescita costante la «pornodipendenza». Fra le conseguenze calo del desiderio e inaridimento affettivo

Adolescenti «malati di sesso online». Il 25% dei giovani tra i 14 e i 16 anni passa troppo tempo collegato a siti porno, col rischio di sviluppare disfunzioni sessuali. Le più frequenti: eiaculazione precoce e diminuzione del desiderio. I dati, elaborati dalla Società italiana di andrologia medica e medicina della sessualità (Siams), sono stati presentati a Vitorchiano dall'Istituto progetto uomo in occasione del Festival dei saperi educativi che si è appena concluso, e dimostrano che passare ore ed ore davanti ad immagini porno può causare patologie come la dipendenza dal sesso e la pornodipendenza.
MINORENNI - Dalla ricerca emerge che dal 2005 ad oggi il numero degli habitué di siti porno è quasi raddoppiato: da 5 a 8 milioni in Italia. Di questi, il 10% è costituito da minorenni. «La dipendenza da sesso non è un fenomeno nuovo - spiega lo psicologo e terapeuta Stefano Bovero - si tratta di un comportamento caratterizzato da un desiderio sessuale anomalo che coinvolge l'attività del pensiero a tal punto da interferire seriamente con le normali attività quotidiane, e persino da non consentire più di perseguire altri scopi nella vita. Oggi questo disturbo è stato inserito tra le nuove dipendenze in quanto ha considerevolmente aumentato la sua, ancorché sottovalutata e drammatica, incidenza sociale. La pornodipendenza invece - continua Bovero- appare come una particolare estensione autoerotica dello stesso aspetto compulsivo».
CALO DEL DESIDERIO - Passare troppo tempo davanti ad immagini erotiche inoltre può provocare una diminuzione del desiderio sessuale. «Il calo del desiderio è dovuto al fatto che la pornodipendenza abitua il soggetto a fare tutto da solo - spiega lo specialista - e lo disabitua a contesti affettivi reali eliminando la corrente di tenerezza: la pratica esasperata dell'autoerotizzazione mediata dalla pornografia favorisce il calo del piacere e del desiderio erotico verso un autentico oggetto d'amore. L'eiaculazione precoce - conclude Bovero - obbedisce alla stessa logica, risolvendo in fretta l'incapacità relazionale del soggetto, le cui risorse neurologiche vengono progressivamente consumate, modificando la chimica cerebrale» (Fonte Adnkronos Salute)

La pornografia online mette a rischio la sessualità 


Ti piace?

martedì 28 maggio 2013

Nonni pedofili abusano dei nipotini: shock a Messina

Orrore a Messina dove un nonno e una nonna, insieme ad un loro conoscente, hanno abusato sessualmente dei loro nipoti sin da quando questi avevano rispettivamente 7 e 8 anni. I piccoli erano stati affidati alla coppia nel 2009, quando la loro mamma è venuta a mancare.
Le violenze sessuali sono state scoperte in seguito alla denuncia fatta dagli insegnanti dei bambini alla polizia. In seguito alle indagini, i 3 sono stati arrestati.


Ti piace?

sabato 25 maggio 2013

Protecting children from internet pornography


Children are exposed to violent and sadistic imagery which risks distorting their attitudes towards relationships and sex, according to the children's commissioner for England.
A report released on Thursday by the commissioner's office found that children who watch pornography are more likely to develop sexually risky behaviour and become sexually active at a younger age.
It called for urgent action to "develop children's resilience to pornography" after discovering that a significant number have access to sexually explicit images. It also called on the Department for Education to ensure all schools delivered effective relationship and sex education, including how to use the internet safely.
"We are living at a time when violent and sadistic imagery is readily available to very young children … even if they do not go searching for it, their friends may show it to them or they may stumble on it while using the internet," said the commissioner, Maggie Atkinson.
"For years we have applied age restrictions to films at the cinema but now we are permitting access to far more troubling imagery via the internet. It is a risky experiment to allow a generation of young people to be raised on a diet of pornography."
The report, based on a review of academic research, also found that pornography could influence children's sexual attitudes, foster a negative attitude towards relationships and lead them to engage in risky behaviours such as unprotected anal sex, sex at a younger age and the use of alcohol and drugs during sex.
Sue Berelowitz, the deputy children's commissioner, said compulsory education was the only way to ensure children were guarded "against the possible impact of pornography on them and their relationships". She said: "As part of our inquiry into the sexual exploitation of children in gangs and groups we have seen that young perpetrators of sexual abuse describe their activity as 'like having been in a porn film'. This report provides the evidence to support there being a high correlation between exposure to pornography and it influencing children's behaviour and attitudes."
Miranda Horvath, senior lecturer at Middlesex University, which led the review of academic evidence, said: "When pornography is discussed, it is often between groups of people with polarised moral views on the subject. Rather than adopting a particular ideological stance, this report uses evidence-based research to draw its conclusions and further the debate."
The report's recommendations echo calls made by the End Violence Against Women coalition to make sex and relationships education compulsory in secondary schools. A recent survey by the National Association of Head Teachers found many parents believe schools should teach about the dangers of pornography as soon as children are old enough to use the internet.

Protect children from internet pornography, report demands 24 May 2013



Ti piace?

venerdì 24 maggio 2013

Don Barin a processo: “Abusò di 12 detenuti a San Vittore”


Riscuoteva favori sessuali dai detenuti in cambio di sigarette, shampoo, saponette e radioline. E con l’aiuto di uno specchietto retrovisore controllava l’arrivo di persone durante gli abusi. Per questo Don Alberto Barin, ex cappellano del carcere milanese di San Vittore, è accusato di violenza sessuale su 12 detenuti e verrà processato con rito immediato. Il gip di Milano, Enrico Manzi, ha accolto la richiesta avanzata dal procuratore aggiunto Pietro Forno e dai pm Daniela Cento e Lucia Minutella.
Don Barin, 51 anni, era finito in carcere lo scorso 20 novembre, nell’ambito dell’inchiesta condotta da squadra mobile e polizia penitenziaria e coordinata dalla Procura di Milano. Secondo l’accusa, l’ex cappellano del carcere di San Vittore faceva leva sullo ”stato di bisogno” dei detenuti, che si rivolgevano a lui per avere piccoli benefit per vivere meglio in carcere: sigarette, shampoo, saponette. Poi, secondo l’accusa, appagava le sue ”pulsioni”, chiedendo loro in cambio favori sessuali. Infine, quando i detenuti uscivano dal penitenziario, a pena scontata, sempre secondo le indagini, li invitava a passare a casa sua per altre prestazioni sessuali, facendogli pesare il fatto che i suoi pareri di “buona condotta” erano stati utili, a suo dire, per le scarcerazioni.
Nel decreto del gip vengono individuate 12 vittime, tutti africani di un’età che varia tra i 23 anni e i 43 anni e per fatti che vanno dal 2008 al 2012. Dallo scorso aprile don Barin è agli arresti domiciliari, che sta scontando in un convento.
Come si legge nel decreto del giudice Manzi, l’ex cappellano controllava ”l’eventuale arrivo di persone a mezzo di specchietto retrovisore, in modo da tranquillizzare il detenuto”, che subiva abusi, ”in merito ad una possibile sorpresa in flagranza”.
Inoltre, Barin ”tranquillizzava” i detenuti che manifestavano il proprio ”disagio” dicendo che ”la sua era una condotta normale, segni di amicizia e che a Napoli tutti sono soliti fare così“. E ancora: il religioso ”intensificava” le ”visite” di alcuni detenuti ”nel proprio ufficio” facendoli sentire come i ”favoriti”.
Il processo contro Don Barin si aprirà il prossimo 10 luglio davanti alla quinta sezione penale. L’imputato però ha anche la possibilità nei prossimi giorni di chiedere il rito abbreviato ed essere giudicato a porte chiuse da un gup, con uno sconto di un terzo della pena in caso di condanna.

Don Barin a processo: “Abusò di 12 detenuti a San Vittore” 23 maggio 2013



Ti piace?

giovedì 23 maggio 2013

Bimbo denuncia suora pedofila, rinchiuso in ospedale psichiatrico


Questa storia arriva dal bresciano dove un bambino di 7 anni si è visto sottratto coattivamente alla famiglia dopo aver denunciato qualche anno fa una suora dell'asilo che frequentava per presunti atti di pedolifia. Il bambino raccontò ai genitori l'accaduto riportando tutti i particolari con minuziosa precisione, lasciando sconcertati gli stessi genitori che non hanno potuto far altro che denunciare la suora. Ma da quel momento il calvario è cominciato per il bambino e non per la suora. 

Dopo numerosi interrogatori nei quali il piccolo continuava a riportare alle forze dell'ordine i terribili episodi, gli inquirenti sono arrivati alla conclusione che le ricostruzioni non descriverebbero atti di pedofilia. A quel punto la situazione si è capovolta, ritorcendosi contro la famiglia. La madre è stata accusata di pressioni psicologiche sul figlio, portato via da casa e trasferito presso una Casa Famiglia. Al bambino sono stati somministrati antipsicotici per sedarlo dopo la diagnosi di “grave disturbo esplosivo del comportamento e dell’umore”. I medici dell’ospedale civile di Brescia sono stati accusati dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani e di Pronto Soccorso Famiglia di aver somministrato al bambino il Risperdol, farmaco che non sarebbe adatto alla sua età. I medici, sicuri della loro valutazione, affermano che il bambino presenta un “disorganizzazione del pensiero” e andrebbe per questo trasferito in una struttura psichiatrica per minori.
L’avvocato Francesco Miraglia ha depositato il mandato per riaprire il caso e tentare di restituire il bambino alla sua famiglia.

Bimbo denuncia suora pedofila, rinchiuso in ospedale psichiatrico 23-05-2013



Ti piace?

venerdì 17 maggio 2013

FIRENZE, ESCORT DI LUSSO MINORENNI DA 1.000 € A NOTTE. POLITICI E MEDICI TRA I CLIENTI


Fermato giro di escort che vedeva politici e medici come protagonisti.

Il cliente sceglieva la ragazza sul sito Escortforum.net, con server in Slovacchia, e poi riceveva un sms sul cellulare con ora e luogo dell'appuntamento a luci rosse, che a Firenze era quasi sempre l'hotel Mediterraneo di Lungarno del Tempio. È quanto emerso nell'inchiesta della polizia postale di Firenze: 14 gli indagati per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Tra gli indagati due fratelli fiorentini di 48 e 55 anni, titolari dell'albergo Mediterraneo e dell'hotel Villa Fiesole: in entrambe le strutture, secondo quanto accertato, era presente un giro di escort di lusso. 

Tra i clienti, in base a quanto appreso, figurano medici e commercialisti, ma anche dipendenti pubblici e uomini politici. I prezzi degli incontri andavano dai 500 ai mille euro. Nel corso delle indagini, partite due anni fa a seguito di alcune segnalazioni, è stato individuato anche un giro di escort parallelo, gravitante intorno all'hotel Villa Fiesole. Si tratterebbe, secondo quanto emerso, di casalinghe, studentesse e professioniste fiorentine gestite da un gruppo di professionisti locali che figurano tra gli indagati. Tra questi, i due titolari della struttura, il proprietario di una gioielleria del centro di Firenze e un talent scout di serie A. Il pm Giuseppe Bianco, titolare delle indagini, ha ottenuto che il sito 'Escortforum' venisse oscurato. Il sito, i cui gestori stranieri sono coinvolti anche in indagini internazionali per il reato di tratta di esseri umani, era una vetrina virtuale attraverso cui alcune agenzie di escort favorivano e sfruttavano la prostituzione di giovani per lo più dall'Est Europa, alcune addirittura minorenni. Le ragazze dovevano versare alle agenzie il 50% dei guadagni.

FIRENZE, ESCORT DI LUSSO MINORENNI DA 1.000 € A NOTTE. POLITICI E MEDICI TRA I CLIENTI 16 Maggio 2013



Ti piace?

mercoledì 15 maggio 2013

Children access porn sites from age SIX


Children start watching porn on the internet from the age of six and will start flirting online when they are just eight-years-old, a study has revealed.

More than 19,000 parents worldwide took part in a survey, with data compiled using information on which sites they choose to block and which their children have access to regularly. The study found that almost a quarter of children had at least one social network account by the time they were 12-years-old and that most lie about their age when creating their online profiles. To join Facebook, for example, you have to be 13-years-old.

Disturbingly, two per cent of computer addicts were just five-years-old and 17 per cent were social media users by age 10. Overall, kids are turning to computer games and things like instant messaging at a younger age than they did a few years ago.

The study was published by Bitdefender, the creator of some of the Internet’s best antivirus software. It also found that gaming, hacking and so-called 'hate' websites, where young people are free to use profanity are go-to sites for children. 

Bitdefender Chief Security Strategist Catalin Cosoi told USA Today: 'Kids nowadays are acting like young adults online — just give them an Internet-connected device, and they will find a way to things parents would like to ban forever.'

Jo Webber, CEO of Virtual Piggy, a website that enables kids to manage and spend money within a parent-controlled environment, said: 'Kids lie about their age to get access to something they want to explore, in this case a social network. It's no different than my generation lying about age to get cigarettes or into a bar.'





Ti piace?

La prostituzione sul web non è reato

La prostituzione sul web non è reato: l'ha stabilito la Corte di Cassazione

La sentenza della Cassazione, come riporta Il Giornale, è destinata a far discutere: non è un reato pubblicare su internet gli annunci di chi si prostituisce, poiché "la pubblicazione di inserzioni pubblicitarie sui siti web, al pari di quelle sui tradizionali organi di informazione a mezzo stampa, deve essere considerata come un normale servizio in favore della persona".
Sono queste le parole della Cassazione, che ha specificato come il reato di favoreggiamento della prostituzione si delinea solo quando, alla pubblicazione di annunci, "si aggiunga una cooperazione tra soggetto e prostituta, concreta e dettagliata, al fine di allestire la pubblicità della donna".
La questione è stata affrontata dalla terza sezione penale della Suprema Corte esaminando un ricorso della Procura generale di Venezia.



Potrebbe interessarti:http://www.today.it/rassegna/sentenza-cassazione-annunci-prostitute-web.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930


Potrebbe interessarti:http://www.today.it/rassegna/sentenza-cassazione-annunci-prostitute-web.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930 


Ti piace?

Oxford, per sei anni stuprano minorenni arrestata banda di pedofili.


Una banda di pedofili a Oxford ha stuprato per anni oltre 20 ragazzine minorenni tra cui una bambina di 11 anni. 


Sette uomini, due coppie di fratelli e tre complici, tutti musulmani, di età compresa trà i 27 e i 38 anni sono stati arrestati dalla polizia. 


Secondo una prima ricostruzione, spiega l'edizione on line del The Indipendent, le ragazze abusate avrebbero dovuto essere seguite dai servizi sociali, nonostante questo la banda ha agito indisturbata per circa sei anni dall'inizio del primo abuso, ricorrendo anche all'uso di droghe e alcolici per rendere più arrendevoli le vittime. I sette avevano già precedenti per reati sessuali e droga.


Oxford, per sei anni stuprano minorenniarrestata banda di pedofili. Una 11enne tra le vittime 15 Maggio 2013



Ti piace?

I funzionari cinesi che guardano 700 film porno alla settimana

Liu Xiaozhen ha 70 anni, è cinese ed è un funzionario dell’amministrazione della provincia di Hunan, nel sud del paese. Il suo lavoro è guardare il materiale cinematografico sequestrato dalla polizia e verificare se viola le norme sulla pornografia. La sua storia è stata raccontata dal Washington Post. Nell’ufficio di Lui arrivano i film sospettati di contenere scene porno – la pornografia in Cina è illegale – e le procedure prevedono che lui debba vederli tutti, dall’inizio alla fine, per verificare se i proprietari e i venditori debbano quindi essere perseguiti. Lo ha spiegato lui stesso in un’intervista a una televisione locale.


Capita spesso che nell’ufficio di Liu i funzionari – quattro in tutto – debbano visionare più di settecento DVD alla settimana, dall’inizio alla fine: «Funziona così in questo lavoro: anche se vuoi smettere di guardarli, devi continuare a farlo attentamente». Molto spesso capita di annoiarsi, proprio a causa della ripetitività del lavoro: questo obbligo però è necessario perché molti tentano di aggirare il divieto mettendo le scene pornografiche nelle ultime scene o alla fine di film “normali”.
In Cina la pornografia è illegale, così come la prostituzione e altri reati legati al sesso. Ma acquistare DVD porno è relativamente facile, soprattutto dai venditori ambulanti agli angoli delle strade delle città, che mischiano i porno tra le ultime novità cinematografiche. Se vengono fermati dalla polizia, i venditori ambulanti vengono arrestati, le loro merci sequestrate. Secondo la legge cinese chi produce e distribuisce materiale pornografico rischia fino a tre anni di carcere.
Questi DVD vengono portati poi negli uffici dei funzionari, che li guardano uno a uno per vedere cosa contengono. «All’inizio, l’ufficio in cui si lavorava era piccolo e guardavamo i film tutti insieme», ha raccontato Xiaozhen. Ora, invece, ogni funzionario guarda da solo i film che gli vengono assegnati e alla fine ognuno fa la propria relazione.
I film vengono anche categorizzati – occidentali, cinesi, sudcoreani, per esempio – e i funzionari ne considerano anche i diversi gradi di illegalità: alcuni sono considerati «osceni in tutto e per tutto», altri – magari quelli che oltre alle scene porno hanno una specie di storia, «sono invece considerati un gradino sotto, anche se non possono essere certo considerati un’opera d’arte». La valutazione di questi film è molto importante: sul giudizio espresso dai funzionari si basano le richieste di condanna dei pubblici ministeri, nei processi contro le persone arrestate.
Chi viene assunto negli uffici della censura deve rispondere a requisiti ben precisi. L’ufficio di Hunan assume i funzionari cercandoli esclusivamente all’interno della provincia: devono essere sposati, ed è meglio se sono un po’ avanti con gli anni. All’inizio non è facile, ha spiegato Liu: «è molto imbarazzante e tutti diventano rossi». Poi però, con il tempo, si acquisisce professionalità: lo stesso Liu Xiaozhen nel 2008 ha ricevuto anche un premio nazionale, per aver scritto un saggio sul suo lavoro.


I funzionari cinesi che guardano 700 film porno alla settimana 15 maggio 2013


Ti piace?

lunedì 13 maggio 2013

Violenza sessuale. Gli Usa mettono al bando il porno per i soldati


L’aumento di casi di violenza sessuale da parte dei soldati statunitensi aumenta sempre di più e preoccupa l’inquilino della Casa Bianca, Barack Obama, che ha dunque deciso di correre ai ripari.
Entro il prossimo luglio, infatti, negli uffici militari sarà vietato detenere materiale pornografico. Niente immagini, video o quant’altro che possa essere ritenuto offensivo e sconveniente, o che in qualche modo possa incitare i soldati Usa a compiere violenze sulle donne. Pur di evitare che qualche furbo cerchi di aggirare il divieto, saranno inoltre disposte ispezioni nei palazzi dell’esercito.
Non è certo un provvedimento accolto con favore, da parte dei militari, ma che si è rivelato necessario a seguito dell’incremento spaventoso di casi di abusi da parte dei soldati. Secondo gli studi condotti in merito dal Pentagono, nel 2012, le aggressioni sessuali nelle forze armate sarebbero state circa 26mila, di cui, però, solo 3.374 ufficializzate e denunciate.
Per rendere l’idea di quanto sia grave e diffuso il fenomeno basta pensare che lo stesso Jeff Krusinski, responsabile della prevenzione della violenza sessuale nell’aviazione degli States, è stato accusato di aver molestato una donna.
Proprio per porre fine a situazioni simili, Obama ha deciso di intervenire. Durante la conferenza stampa tenutasi in occasione della visita del presidente sud coreano a Washington, il presidente statunitense ha spiegato che “questi accadimenti offendono l’uniforme”. Inoltre, ha messo in guardia, “se scopriamo che qualche soldato è coinvolto in un incidente di questo tipo, questi sarà responsabile davanti ad un tribunale militare e rimosso dal suo incarico con tanto di disonore.”

Così, pur di difendere donne e uniforme, ha dato il via alla messa al bando della pornografia tra i soldati, senza però aver prima espresso le proprie impressioni al ministro della difesa Chuck Hagel invitandolo anche promuovere un cambiamento della concezione della femmina e del sesso nell’ambito militare al fine di creare una cultura di dignità e rispetto.

Violenze sessuali. Gli Usa mettono al bando il porno per i soldati  maggio 10, 2013




Ti piace?

Morbi et Orbi. Pedofilia, omosessualità e fede nella Chiesa di oggi

Morbi et Orbi” è un’analisi accurata dei mali che affliggono la Chiesa Cattolica: è la presa di posizione di un giovane assetato di verità che, tra gli altri, affronta il caso dei preti pedofili, attraverso i dati raccolti e le storie delle vittime sparse per il mondo, a partire dai retroscena e dagli scandali che hanno coinvolto il pontificato degli ultimi anni. 

Girovagando su internet, preti omosessuali si ritrovano su forum appositi non solo per parlare della propria condizione, ma anche per fissare incontri sessuali: intere pagine riportano i contenuti di queste particolari chattate, testimoniando che i sacerdoti dichiarati gay sono tanti e che praticano la propria sessualità senza reticenze. 


 Ecco uno stralcio delle chat contenute nel testo:

[01.05.14] Io: dimmi un po’ hai qualche voglia nascosta?
[01.05.24] Prete: a quest’ora un po’
[01.05.31] Io: tipo?
[01.05.53] Prete: mi piacerebbe spogliare un bel ragazzo come te
[01.06.21] Io: ti è mai successo?
[01.06.27] Prete: cosa?
[01.06.45] Io: di spogliare un bel ragazzo
[01.06.47] Io: magari prete
[01.06.51] Prete: tempo fa
[01.07.02] Prete: da due anni non faccio nulla
[01.07.14] Io: perché mai?
[01.07.24] Prete: per prudenza


Morbi et orbi, un libro che analizza i mali che affliggono la Chiesa 09 Maggio 2013

Ti piace?

Abusava del figlio travestita da suora

Una quarantenne catanese, accusata di avere abusato sessualmente del figlio di 10 anni travestita da suora, è stata arrestata dalla polizia postale di Catania nell'ambito di un'operazione antipedofilia e antisatanismo. Il provvedimento è stato eseguito il mese scorso, ma la notizia è trapelata soltanto oggi. Nei confronti dell'indagata è stata emessa dal Gip un'ordinanza di custodia cautelare, su richiesta della procura della Repubblica, che ipotizza il reato di abusi sessuali su minorenni e produzione di materiale pedopornografico. A consentire di scoprire la donna, che utilizzava croci per seviziare il figlio, è stato l'accesso, da parte di agenti sotto copertura della polizia postale di Catania, a un database pedopornografico con cinque milioni di file, trovato in una zona di Internet chiamata Deep Web. Gli investigatori l'hanno identificata presentando una relazione alla magistratura. La notizia dell'arresto non è stata diffusa subito per non compromettere le indagini.


Catania. “Vestita da suora abusò del figlio in chiesa”: arresti per pedofilia  13 maggio 2013




Ti piace?

PORNO SYSTEM


Ruby nipote di Mubarak? «Fu una balla colossale». Così il pm Boccassini in aula al processo dove Silvio Berlusconi è imputato di concussione e prostituzione minorile.  

È un contesto «prostitutivo», di interessi economici, di arrembaggio per una particina in tivù, di mancanza di valori culturali, quello in cui arriva la minorenne Ruby Rubacuori il giorno in cui mette piede ad Arcore per la prima volta: 14 febbraio 2010. Così accusa Ilda Boccassini nel giorno della sua requisitoria finale in un’aula stracolma di giornalisti. Ricorda, il magistrato, che l’inasprimento delle leggi sulla prostituzione minorile furono volute proprio dal governo Berlusconi. Una premessa necessaria per spiegare anche perché di questa vicenda si è occupata lei stessa, responsabile della Procura distrettuale antimafia, proprio grazie alle competenze attribuite da queste nuove leggi. 

Quindi, il pm è passata ad illustrare la storia del processo e di Karima El Mahroug, in arte Ruby Rubacuori. «Il collega Sangermano vi ha dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio che presso l’abitazione di Arcore del presidente del consiglio, le ragazze invitate facevano parte di un sistema prostitutivo organizzato per compiacere il piacere di silvio Berlusconi». Un “piacere” che, nonostante l’assenza di inchieste, era noto già a tutti in quell’epoca, maggio 2010, quando Ruby venne fermata e portata in Questura. «Anche i funzionari della questura erano consapevoli del pericolo che poteva rappresentare l’emergere delle frequentazioni di una minorenne con l’allora Premier, che temeva lo scandalo». 

Ruby, spiega il pm, non ha una casa, vive di espedienti e si prostituisce: «E in questo contesto che arriva ad Arcore, ovvero in quel sistema prostitutivo organizzato per compiacere Silvio Berlusconi e organizzato da Fede, Minetti e Mora. È quando Ruby il 14 febbraio 2010 arriva ad Arcore, queste tre persone ci sono. E quando viene portata alla villa da Emilio Fede, il direttore del Tg4 è consapevole della sua minore età, avendo partecipato come presidente di giuria al concorso di bellezza svolto si appena qualche mese prima a Taormina». «Possiamo veramente immaginare che in quel contesto una persona che ha quel rapporto di amicizia e fedeltà assoluta con il Premier non abbia avvertito il presidente che stava introducendo nella serata di Arcore anche una minorenne?». Il pm è poi passata ad illustrare il reato di concussione, relativo alla “liberazione”di Ruby dalla questura la sera del 28 maggio 2010. Dopo aver ripercorso le conversazioni della funzionaria in servizio Giorgia Iafrate con il pm dei minori Fiorillo e ricostruito minuziosamente le telefonate di Silvio Berlusconi al capo di Gabinetto della Questura Pietro Ostuni da mezzanotte in avanti (le chiamate, attraverso il cellulare del capo scorta furono almeno 7), ha definito una “scusa grossolana” aver definito Ruby “nipote di Mubarak”, meglio, «una balla colossale». 

«Ora mi sembra evidente di aver potuto dimostrare ogni oltre ragionevole dubbio che quella notte i vertici Questura di Milano, a seguito dell’interferenza del Presidente del consiglio rilasciarono la minore e la consegnarono a una prostituta tramite la Minetti». Tutti sapevano, ha detto Boccassini, che Karima era una minorenne, «lo dimostra il semplice fatto che subito ne venne chiesto l’affido e l’affido si può chiedere solo per i minori».  

Ruby, la requisitoria della Boccassini“Ad Arcore un contesto prostitutivo” 13/05/2013



Ti piace?

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...