Post in evidenza

School sex crimes up by 255 per cent, porn culture to blame

Reports of sex offences in schools continue to rise, according to police figures obtained by a Tes investigation

lunedì 28 aprile 2014

A casa del Cavaliere una fiorente attività di prostituzione

Quello che accadeva a casa dell'ex presidente del consiglio era "una fiorente attività di esercizio della prostituzione, indotta, favorita e sfruttata" da Gianpaolo Tarantini e dai suoi sodali. Il giudice del tribunale di Bari, Ambrogio Marrone, seppellisce la tesi dell'ex presidente del Consiglio nel processo di Bari in corso a carico di Tarantini e di altre sei persone, tra le quali l'Ape Regina, Sabina Began

I legali dell'ormai ex Cavaliere avevano sempre raccontato che quelle erano soltanto cene eleganti e che il presidente non sapeva che Patrizia D'Addario e le altre decine di ragazze che l'imprenditore barese gli procacciava fossero prostitute. 


venerdì 25 aprile 2014

Obama crea una task force contro gli stupri nei campus

Nei college americani uno studente ogni cinque subisce violenza sessuale ma soltanto il 12% delle vittime denuncia il crimine. I dati sono contenuti in un rapporto redatto dal White House Council on Women and Girlintitolato “Rape and Sexual Assault: A Renewed Call to Action”: “Nessuno è più a rischio di essere stuprata delle donne che frequentano i college e le università della nazione” è scritto nel testo. Quasi 22 milioni di americane e 1,6 milioni di americani hanno subito violenza sessuale una volta nella loro vita. Nei campus la violenza è incentivata dall’uso di alcol e droghe che possono rendere le vittime incapaci di difendersi. Gli assalitori sono spesso dei conoscenti e sono recidivi. Secondo uno studio, citato nel rapporto, il 7% degli studenti universitari ha ammesso di aver tentato uno stupro e, tra questi, il 63% ha confessato di averlo fatto più volte.

CAMPUS RAPE

Lena Sclove transferred to Brown University in January 2013 in hopes that the famously progressive Ivy League university would provide her with a less conservative experience than her former college. Her first semester lived up to her expectations: Sclove immersed herself in theater and activism work and even chose to live a few blocks off campus in Providence, Rhode Island, during the summer.

Then, in August, she was raped so roughly that, months later, she had to go on medical leave for a spinal neck injury resulting from strangling.

Administrators dissuaded Sclove, now 22, from pressing criminal charges against her assailant, a fellow student and former friend. Instead, they encouraged her to go through the university process, which requires a much lower standard of proof in sexual misconduct hearings. In October, a disciplinary panel found her assailant guilty of four violations of the Brown University code of student conduct, including sexual misconduct involving one or more of the following: penetration, violent physical force, or injury. His punishment: one year’s suspension, meaning the two students would overlap during the 2014-15 academic year.

“While I believe someone found guilty of violent rape should not be able to graduate at all, the least Brown can do is keep me safe for the rest of my time as an undergraduate,” Sclove wrote when she appealed the decision. Vice President for Campus Life and Student Services Margaret Klawunn denied the appeal, writing in an email that the assailant’s suspension length was “reasonably consistent with precedent in similar cases.” Sclove says that later, Klawunn told her she was “sorry [Sclove] was disappointed.”

“It’s not that I’m disappointed, it’s that I find it extraordinarily scary because I don’t feel safe with him here and I don’t feel that other women are safe,” said Sclove, who hasn’t decided whether she’ll re-enroll if her assailant is allowed to return in good standing. “How can Brown claim to be a progressive institution when they’re making decisions based on ‘precedents’ that protect him more than they protect me?”

Brown didn’t respond to a request for comment, but told other outlets that “The university takes a number of steps, including sexual assault orientation sessions for incoming students, to ensure that every student is aware of applicable policies” and that decisions do not “always yield a completely satisfying outcome for someone who has been victimized.”

The gender equity law Title IX mandates that schools work with complainants who seek accommodations including housing and class changes, whether or not they formally report. But the law is vague, and administrations are often warier of inconveniencing alleged rapists than they are quick to protect alleged survivors. Students have a right to education free of sex-based discrimination, harassment or violence, but when schools fail to act, they force them to choose between their life on campus and living alongside their assailants. I’ve reported on sexual violence on college campuses for years. In more cases than I can remember, the victim withdrew while her attacker graduated.

Repeat rapists on college campuses are responsible for 90% of rapes and commit six rapes on average, according to research on “undetected rapists” on college campuses. (In fact, another Brown student wrote a letter to the university detailing her own assault by Sclove’s reported rapist; it was not factored into the decision-making process.) The report also found that rapists who choke victims, like Sclove’s assailant, are at a higher risk of repeat offenses.

Around 1 in 5 women are sexually assaulted while in college, according to a recent report from the White House Council on Women and Girls. Thanks to pressure from the White House and student activist efforts, schools are currently scrambling to ensure that they’re following federal laws concerning campus sexual misconduct. Administrators at elite liberal arts schools that profit off their forward-thinking reputations know their communities expect more than compliance.

But instead of enforcing stricter punishments for students found guilty of sexual misconduct — as this Huffington Post piece notes, students at elite universities across the country say their schools are too lax on sex offenders, a charge campus violence reports reflect — many schools attempt to create a parallel culture via “safe spaces.”

The tactic concedes that the rest of the world is a safe space for rapists. When schools imply rapists can’t access these spaces, they protect them too.

“The [Brown] administration talks a big game but when push comes to shove, there isn’t always the largest commitment to maintaining safe spaces in actuality,” said Becca Wolinksky ‘14, a co-organizer of Nudity in the Upspace. “But the school still gets to ride on the coattails of its progressive reputation.”

Effective anti-rape policy won’t come from schools that distance themselves from assault by analyzing the space where violence occurs instead of the perpetrators — but, it’s a great way to keep crime rates low. It’s estimated that 63% of schools fail to accurately report campus violence as required by federal law. When administrators do decide to crack down, it’s rarely on cases that will up their sexual assault numbers.

In 2008, Brown alum Margaree Little was suspended for a semester with no guarantee of readmission after throwing a pie at New York Times columnist Thomas Friedman. During the disciplinary process, she said, an administrator called for her expulsion by making the case that she had endangered his life by physically assaulting him.

While she was waiting to hear if she was kicked off campus — later, she said, she was told she likely would’ve been expelled if she didn’t apologize to Friedman — she remembered walking past an exhibit about the history of student activism and radical organizing.

“I think Brown uses that history to market itself as a progressive place,” she said. “Certain kinds of organizing are tolerated, but only if you don’t cross the line of jeopardizing Brown’s image.” Who is charged with maintaining that image: men who rape or the women who get raped?

Students at other liberal arts schools also say they feel frustrated by the way their administrations only champion “safe spaces” in theory. Columbia University is papered with “Consent Is Sexy” posters with statements like, “Asking for consent can be as hot, creative, and as sexy as you make it.” Freshmen take a mandatory workshop called “Consent 101” that attempts to make sexual consent a blast, between ice cream socials and walking tours during student orientation — students are given candy prizes for coming up with creative ideas, and counselors receive a bonus incentive of getting to move into their dorms a week early. But one Columbia student said she was raped as a freshman by the same “Consent Educator” who taught her how to discuss consent in low-stake terms in the fall of 2009.

“Hosting school-sponsored or chaperoned parties just isn’t a satisfactory Band-Aid,” said Anna Bahr, a Barnard senior and reporter for the student news site Bwog who often covers campus sexual assault. “Students are assaulted sober, they’re assaulted drunk, and they are absolutely assaulted in college-owned buildings at college-sponsored events, while college employees aren’t so far away.”

Students at schools that permit them to host consensually sexy “safe spaces” have recently shuttered their events. For decades, Oberlin College students could attend “Safer Sex Night,” described as “a time for scantily clad Obies to get together for some wild dancing, free condoms and dental dams.” This year, the student-run Oberlin Sexual Information Center decided to cancel it, saying, “The reality was an environment where many students were intoxicated, not all people felt safe, and not all activity was consensual.” In 2010, Wesleyan University’s student society Eclectic canceled its annual “Sex Party” after too many sexual harassment allegations and trips to the hospital. As these decisions reflect, supporting the creation of temporarily safe spaces isn’t the same as ensuring student safety. That doesn’t stop schools from taking the opposite approach and constructing areas where sex isn’t facilitated, consensual or otherwise.

In October 2012, Angie Epifano wrote an essay that went viral nationwide and detailed appalling administrative failings at Amherst College: Epifano wrote that after she was was raped by an acquaintance as a freshman, she was pressured to “forgive and forget” by the school’s sexual assault counselor, denied access to support groups, and involuntarily committed to a psychiatric ward. In response, a special oversight committee was assembled to improve the college’s ability to prevent sexual violence and eventually released a report, “Towards a Culture of Respect.”

“What we all want is to eliminate sexual misconduct before it occurs,” the committee wrote in the report. But there is “no need to name specific student groups” that have been found to intimidate victims from reporting assault. The euphemism “when something goes wrong” is employed more than once, as in “…when something goes wrong and a sexual assault does occur…” This language suggests that rape occurs by happenstance, a crime without a criminal.

How do you solve a problem if you refuse to identify the perpetrator? The committee has one creative suggestion for how students should socialize: a “large and seasonally permanent structure on the main quadrangle, in the middle of the freshman living space.” Specifics weren’t necessary when identifying rapists and the groups that protect them, but elaborate detail is involved in the description of an “oversized tent, containing a sound system and stage” that would be “well lit and inviting” with events “held nearly nightly, but most certainly on weekends.” Among these events could be “large-scale poetry slams, small concerts, outdoor movies, recitals, dance lessons, and the like,” and thus there would be “no need to be drunk in order to escape the Amherst Awkward feeling.”

The language in the Amherst report turns rape into a passive occurrence that can be treated with equally passive policy. The target isn’t rapists, and there’s little that acknowledges the widely understood behavior of rapists. Instead Amherst, and schools like it, shift their focus to the circumstances or spaces where rape occurs. But students can’t escape rape by going to a well-lit poetry slam or a sexy condom-strewn party. Schools don’t need to help students avoid the “Amherst Awkward” feeling; they need to protect them from men who rape — who are almost always unnamed, not just as individual perpetrators, but also as a category.

But until colleges would rather prosecute rapists than build tents or allow lingerie-clad students to give out condoms, attempts at “cultural change” will remain naive gestures.

College Campuses Are Treating Rape Like A Crime Without Criminals Katie J.M. Baker 24 04 14


Ti piace?

lunedì 14 aprile 2014

In Svizzera, dove prostituirsi è legale

Il parcheggio non è pieno. Sulle auto - tutte dignitose ma nessuna di grossa cilindrata - sistemate a lisca di pesce si riflette il sole di una calda mattina di primavera. Il silenzio anonimo di tutte le anonime zone industriali di provincia è rotto solamente dal rumore di una segheria che lavora, poco lontano. Un posto qualunque. Che però è in Svizzera. E così, da dietro il separé di plastica da stabilimento balneare a poco prezzo che nasconde i ballatoi della palazzina affacciata sul parcheggio, appare una ragazza. Dondola su tacchi altissimi e indossa un abitino blu che le sta un po’ stretto. La testa è bassa: guarda il cellulare. Non può parlare, è di fretta: «Mi stanno aspettando in camera», si scusa. «Ma - aggiunge - al bar ci sono altre ragazze». Il bar è quello del Motel Castione e le ragazze sono tante, almeno trenta. Sono sedute al bancone o ai tavoli e quando si apre la porta, tutte si voltano a guardare. In Svizzera la prostituzione è legale e anche locali come il Motel Castione lo sono. Lo ribadisce il titolare che però preferisce restare anonimo visto che la legge non basta a cancellare «i pregiudizi. Prima c’erano 33 ritrovi simili in Ticino ma sono stati quasi tutti chiusi», spiega. Questo perché non si può più mascherare una casa d’appuntamenti con un bar: «È cambiata la norma: siamo diventati “luogo di incontro per adulti”. Chi entra da noi paga l’ingresso e riceve in omaggio una consumazione». Dieci franchi, meno di dieci euro. Tra i clienti non notturni, soprattutto anziani. Parlano con le ragazze, sorridono. Ogni tanto qualcuno viene preso per mano da una di loro e si allontana lungo il corridoio che porta alle camere. 

Per il gestore il guadagno, oltre agli ingressi (in media 200 giornalieri), è l’affitto delle stanze alle prostitute: «Al giorno sono 120 franchi. E forniamo ogni volta biancheria fresca». Le camere sono sì pulite ma sembrano quelle di un hotel a due stelle. «Per renderla più calda ho attaccato sul lampadario un velo rosso», racconta Gina. Ha 29 anni, ha iniziato a prostituirsi quando ne aveva 23 e viene dalla Romania. «Da noi gli stipendi sono di 200 euro al mese. Ho una bambina e credo sia giusto se mi sacrifico io perché non lo faccia mai lei». Il peso più grande è non averla cresciuta: «Ma quando penso che va a scuola ed è vestita bene e apre il frigo e lo trova pieno, allora so che sto facendo la cosa giusta». Nella sua famiglia nessuno sa che lavoro faccia Gina. La sua idea, come di molte altre, è fare tanti soldi in pochi anni. In media una prostituta chiede 100 franchi per mezz’ora e ne guadagna attorno ai 5, 6 mila al mese. Gina si è comprata un appartamento. «Ci sono storie a lieto fine - racconta un cliente, 42 anni, svizzero che di professione fa il giornalista -. Questi posti vengono raccontati sempre sotto una cattiva luce ma qui ho conosciuto molte brave ragazze, che aiutano le famiglie. Mi spiace che così tanta gente le giudichi male». 

A Castione in effetti i clienti del bocciodromo (dopo il motel, il secondo locale più vivo di questo minuscolo centro) scuotono la testa: «Ma davvero c’è gente anche a quest’ora? Sono anziani? Ma anziani come noi?». Una coppia di marito e moglie classe 1929 ascolta attenta. Lei indignata. Lui sbuffa. Ma alla fine chiede sospettoso: «Ma anche della mia età? Io ho 85 anni eh». «La prostituzione in Svizzera è un’attività economica tutelata dalla Costituzione federale», scandisce Norman Gobbi, ministro ticinese con delega alla prostituzione. «L’obiettivo è evitare la prostituzione di strada e la clandestinità. Chi vuole prostituirsi deve registrare la sua presenza sul territorio alla polizia, dopodiché ottiene un permesso di cinque anni. In Ticino al momento si stimano 600 prostitute». Ma non proprio tutte pagano le tasse. La maggior parte fa la spola con il Paese d’origine: lavora in Svizzera per un paio di mesi poi torna a casa, per rientrare di nuovo a distanza di qualche tempo. Una strategia semplice per evadere. 

Ulisse Albertalli, titolare del Bar Oceano - 70 camere vista autostrada - si definisce «un pioniere del settore». È orgoglioso delle battaglie fatte per ottenere «la licenza di bordello ufficiale. Le ragazze sono libere. Io offro le camere, i servizi alberghieri e la sicurezza (che garantisce però anche una sezione specifica della polizia)». Tutto per 165 franchi al giorno e due giorni di preavviso prima di liberare la camera: «Le ragazze girano per tutta la Svizzera e si fermano poche settimane. I clienti preferiscono il ricambio: spesso una moglie l’hanno già a casa». Albertalli gestisce il locale con i figli «a testa alta. E molti dei ben pensanti contro cui mi sono scontrato in pubblico poi li ho ritrovati nel mio club». Vanessa ascolta seduta su un divanetto. Ha 30 anni, anche lei è romena e a Bucarest ha aperto un salone di bellezza con i soldi fatti qui. Da piccola voleva fare la sarta. È molto bella ma il trucco marcato la fa sembrare più grande. Eppure nella sua stanza ci sono decine di peluche tra cui un orsacchiotto gigante. «Ai miei ho detto che lavoro nella hall di un hotel», confessa. Perché non lo fa davvero? «Così guadagno molto di più e molto più velocemente». Una formula che vale per tante. Sempre più italiane conferma Marco, titolare del sito incontriticino.ch . Il suo è un portale di annunci per chi esercita puntando sull’altra faccia del «modello svizzero»: la prostituzione da appartamento. «La percentuale delle italiane che si iscrivono sta salendo moltissimo negli ultimi tre anni. Prima si contavano sulle dita di una mano. Ora ce ne sono almeno 25, diverse frontaliere. In Svizzera italiana è dove danno i permessi più facilmente e dove poi sono più bigotti. Al di là del Gottardo è l’opposto: ci sono quartieri a luci rosse ma non c’è il moralismo che esiste qui, dove chi lavora in casa spesso lo fa di nascosto per evitare guai con i condomini». 

Come fa anche una ragazza svizzera: «Nel mio appartamento facciola massaggiatrice: decido io se proseguire con il rapporto o no». Non ama il suo lavoro, ma si sente tutelata. «Pago le tasse e sono in regola. Ma non lavorerei mai in un club: è vero che le ragazze possono scegliere con chi andare ma se devono pagare un fisso al giorno per me è comunque sfruttamento della prostituzione. Se non ci sono clienti sono costrette a svendersi». La crisi non aiuta: «Le ragazze fanno sempre di più per sempre meno. E molte sono italiane». Come la giovane donna seduta sugli sgabelli del Pompeii, locale a pochi passi dal confine, a Chiasso, che conferma il teorema secondo cui più ti avvicini all’Italia e più si fa spessa l’aria di omertà. La ragazza è di Palermo ma si è trasferita vicino alla dogana e ha un permesso come frontaliera. Sta aspettando i primi clienti ma non ha voglia di parlare. Una cosa però le sfugge, mentre si sistema distratta la scollatura: questo mestiere in Italia? No, non lo farebbe mai. 

In Svizzera, dove prostituirsi è legale Quelle italiane frontaliere del sesso 

http://www.corriere.it/cronache/14_aprile_13/svizzera-dove-prostituirsi-legale-quelle-italiane-frontaliere-sesso-8df8df5c-c2db-11e3-a3de-4531ca6bc782.shtml?google_editors_picks=true


Ti piace?

venerdì 11 aprile 2014

Papa: "Chiedo scusa per preti pedofili

"Occorre ribadire il diritto dei bambini a crescere in una famiglia, con un papà e una mamma capaci di creare un ambiente idoneo al loro sviluppo e alla loro maturazione affettiva". Lo ha detto Papa Francesco all'Ufficio per l'Infanzia, precisando che il bambino deve "continuare a maturare in relazione alla mascolinità e alla femminilità di un padre e di una madre".

Il Santo Padre ha toccato anche il tema degli abusi del clero sui minori dicendo: "Mi sento chiamato a farmi carico e a chiedere perdono per il male che alcuni sacerdoti hanno compiuto, per gli abusi sessuali sui bambini". E ancora, Papa Francesco ha assicurato che non verrà fatto nessun passo indietro nel "trattamento di questo problema" e nelle "sanzioni". 

"No alla manipolazione educativa dei bambini" - Tornando a parlare di rapporti tra genitori e bambini, il Santo Padre ha aggiunto: "Vorrei manifestare il mio rifiuto per ogni tipo di sperimentazione educativa con i bambini. Con i bambini e i giovani non si può sperimentare. Non sono cavie da laboratorio". E ha poi sottolineato che "gli orrori della manipolazione educativa che abbiamo vissuto nelle grandi dittature genocide del secolo XX non sono spariti". 

"Tutelare i minori" - "Ai nostri giorni - ha continuato Papa Francesco - è importante portare avanti i progetti contro il lavoro-schiavo, contro il reclutamento dei bambini-soldato e ogni tipo di violenza sui minori". Al riguardo il pontefice ha voluto ringraziare per il loro impegno i rappresentanti dell'Ufficio per l'infanzia che si occupano dei minori per il loro impegno. "E' una espressione concreta e attuale - ha detto - della predilezione che il Signore Gesù ha per loro".

E ancora, sulla pedofilia, ha detto: "La Chiesa è cosciente di questo danno! E' un danno personale e morale loro... ma di uomini di Chiesa! E noi non vogliamo compiere un passo indietro al riguardo. Al contrario credo che dobbiamo essere molto forti! Con i bambini non si gioca!".

Papa: "Chiedo scusa per preti pedofili Ai bambini servono mamma e papà" 11 aprile 2014


Ti piace?

Pedofilia, adescavano bambine su Skype e Whatsapp

Sono due gli indagati sardi nell'ambito della maxi indagine sulla pedofilia condotta dalla Polizia Postale di Udine. Si tratta di due giovani residenti nella provincia di Cagliari, uno del 1975 l'altro dell'89. Non c'entra quindi - come si era appreso in un primo tempo - il 70enne del Sulcis, rimasto coinvolto invece in un'indagine precedente.
Le abitazioni dei due giovani sono state perquisite dagli agenti della Polpost di Cagliari. A casa del venticinquenne è stato trovato e sequestrato materiale informatico che sarà ora analizzato dagli specialisti. I due sono accusati di adescamento di minori su Internet e detenzione di materiale pedopornografico.
Secondo l'accusa, le bambine adescate su Messenger, Skype e WhatsApp venivano convinte a inviare filmati e foto a contenuto erotico.
La vasta operazione antipedofilia della Polizia postale di Udine ha individuato una vera e propria community i cui membri, dopo avere agganciato le minorenni, si scambiavano i riferimenti di contatto.
Le indagini, avviate circa un anno fa, sono partite dalla denuncia dei genitori di una bambina di 12 anni. Coordinate dal Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online di Roma e dalla Sezione polizia postale e delle comunicazioni di Udine, hanno permesso di sequestrare un'ingente quantità di materiale informatico: 22 computer, 46 hard disk, 508 supporti CD e DVD, 46 pen drive usb, 50 telefoni cellulari e sim card, 11 memory card e documentazione varia ritenuta utile per il proseguimento delle indagini, svolte nelle province di Pesaro, Udine, Roma, Palermo, Caserta, Vibo Valentia, Brescia, Latina, Cagliari, Avellino, Monza e Brianza, Enna, Milano, Verbania, Lecce, Savona, Lucca, Forlì e Cesena, Genova, Torino, Bari, Verona e Benevento.
Tra i denunciati, in maggioranza tra i 29 e i 54 anni ma c'è anche un ultrasessantacinquenne. Nell'elenco ci sono impiegati, liberi professionisti, studenti, operai e pensionati. Tra loro, quattro recidivi per reati analoghi 

Pedofilia, adescavano bambine su Skype e Whatsapp: denunciati anche due sardi '9 aprile 2014


Ti piace?

martedì 8 aprile 2014

India,prima condanna a morte per stupro

Un tribunale di Mumbai ha condannato a morte tre uomini accusati dello stupro di una giornalista che stava fotografando un'area dismessa della metropoli. Lo riferisce la Cnn-Ibn. Si tratta di tre giovani di 19, 21 e 28 anni, già condannati all'ergastolo per aver aggredito un'altra donna nel complesso di Shakti Mills, nel sud di Mumbai. La condanna a morte è la prima ad essere stata comminata da quando lo scorso anno è stata resa più severa la normativa per gli stupri recidivi

Ti piace?

Certificato anti-pedofili, ecco le regole

di Annalisa D’Aprile
ROMA. Dopo alcuni giorni di confusione e polemiche per i certificati antipedofilia, da presentare obbligatoriamente per i lavoratori a contatto con i minori, interviene il ministero della Giustizia a chiarire alcuni dei punti più controversi del decreto (in vigore da oggi).
Come prevede la norma, con cui l’Italia si adegua ad una direttiva europea il datore di lavoro che da domani voglia “impiegare una persona per lo svolgimento di attività professionali o attività volontarie (specifica che aveva mandato in allarme i responsabili di organizzazioni del terzo settore, ndr.) che comportino contatti diretti e regolari con i minori” deve richiederne al casellario giudiziale il certificato penale. Così da verificare che l’aspirante impiegato non sia stato condannato per reati contro ragazzini, come prostituzione e pornografia, pornografia virtuale, turismo sessuale e adescamento. Pena per il datore di lavoro che non si accerti della fedina penale del neoassunto, recita sempre il decreto n. 39, «sanzioni amministrative da 10 a 15mila euro». Ma cerchiamo di capire quali categorie sono interessate dal decreto e in che termini.
Non è retroattivo. Il ministero della Giustizia chiarisce che la norma si applicherà solo ai nuovi assunti.
Certificato solo per i lavoratori. Con una nota diffusa dall’ufficio legislativo, il ministero spiega che «l’obbligo di presentazione del certificato penale trova applicazione solo ed esclusivamente con riferimento ai rapporti di lavoro definiti, in relazione ai quali, cioè, il soggetto che si avvale dell’opera di terzi assume a tutti gli effetti la qualità di datore di lavoro».
Le categorie escluse. Se il decreto riguarda solo i lavoratori, non vale per le forme di collaborazione senza compenso, e non tocca il mondo del volontariato, né chi presta servizio in parrocchie, scout o no profit. Sempre dalla Giustizia fanno sapere che non rientrano nell’obbligo della certificazione «tutti i soggetti che prestano la propria opera presso le società e associazioni sportive dilettantistiche (istruttori e tecnici compresi) con i quali non si sia configurato un rapporto di lavoro autonomo o subordinato». Anche i datori di lavoro domestico non devono fare alcuna richiesta per verificare la fedina penale di colf e baby-sitter.
Chi riguarda.Gli allenatori di palestre e tecnici di associazioni sportive private a contatto con minori, gli operatori in asili privati assunti da domani in poi.
E la scuola? Per gli insegnanti di ruolo e il personale Ata il ministero dell’Istruzione chiede già il certificato penale al momento dell’assunzione. Andrà quindi richiesto per supplenti, bidelli e tecnici amministrativi assunti a tempo determinato.
La tempistica. Il ministero della Giustizia assicura che i certificati verranno rilasciati «entro qualche giorno dalla richiesta». Il costo del documento è di 23,08 euro, se è urgente; e di 19,54 se non lo è. Nell’attesa il datore di lavoro potrà richiedere una certificazione sostitutiva in cui il lavoratore dichiara «l’assenza a suo carico di condanne per taluno dei reati di cui agli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale, ovvero dell’irrogazione di sanzioni interdittive all’esercizio di attività comportino contatti diretti e regolari con minori».

Certificato anti-pedofili, ecco le regole 06 aprile 2014


Ti piace?

Genova, scoperto il racket dei pedofili


Ancora una brutta storia di prostituzione minorile, questa volta da Genova. I racconti dell'orrore emergono dalle carte di un'inchiesta condotta dalla polizia postale genovese e coordinata dal sostituto procuratore Piercarlo Di Gennaro. Protagonisti, ma soprattutto vittime, cinque studenti minorenni, omosessuali e bisex di età compresa fra i 13 e i 17 anni, dediti alla prostituzione come le ragazzine del caso Parioli, a Roma. 

Coinvolti venti clienti già tutti identificati e denunciati, fra i 40 e i 60 anni: per cinque di loro è stata anche avanzata una richiesta di arresto. Le accuse sono di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione minorile, ma ci sono elementi sufficienti a contestare per alcuni anche il reato di violenza sessuale aggravata. 

Gli incontri avvenivano in un anonimo appartamento del quartiereS an Martino, ribattezzato dagli stessi clienti, «lo scannatoio». Un bilocale intestato a un genovese che lasciava l'alloggio in uso ai suoi amici, altri omosessuali conosciuti sulle chat di Internet, vero e proprio mezzo di comunicazione grazie agli annunci pubblicati su siti e chat. I cinque studenti genovesi, fingendo d'essere maggiorenni, si "pubblicizzavano" su Badoo.it, un social network di chi cerca incontri, soprattutto a sfondo sessuale. 

"Carne fresca, voglio carne fresca. Devi trovameli giovani" si legge nelle intercettazioni della polizia postale. Nelle carte contenute nel fascicolo dell'inchiesta c'è un po' di tutto: telefonate, sms, messaggi scambiati via cellulare e su Internet. Sulle chat, i baby prostituti si presentavano come maggiorenni, ma solo per aggirare i limiti di iscrizione, quindi erano quantomai espliciti nell'offrirsi.

Genova, scoperto il racket dei pedofili Genova, scoperto il racket dei pedofili


Ti piace?

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...